Diventò il ‘White Album’ perché sia il gruppo che i fan erano quasi imbarazzati della mancanza di un titolo adatto per questo doppio

Un breve estratto della storia di copertina di Classic Rock 77.

Arrivò con una copertina bianca candida e un ‘The Beatles’ a rilievo, design del guru della pop-art Richard Hamilton. Era lo shock del nuovo, eppure in un tempo di tumulti politici i Beatles si ritirarono in un mondo ermeticamente sigillato.

Dei 30 brani del doppio, solo 14 videro i quattro suonare assieme, con canzoni che spaziano dall’assalto sonoro di Back In The U.S.S.R. e HelterSkelter di Paul McCartney fino al kitsch vaudeville di Wild Honey Pie e Martha My Dear, e alla storia finto country del donnaiolo Rocky Raccoon. Lennon aggiunse livelli più oscuri: Happiness Is A Warm Gun e Everybody’s Got Something To Hide Except Me And My Monkey con velati accenni all’eroina, mentre Revolution 1 chiariva che non aveva intenzione di diventare un martire dell’anarchia, preferendo la direzione avant-garde di Revolution 9.

Revolution 9: un colalge delirante di loop, effetti sonori, grida e gorgoglii

Quest’ultima, gli 8 minuti e 22 secondi più straordinari dei Beatles, un collage delirante di tape loops, effetti sonori parlati, grida e gorgoglii, divise il pubblico. Non era She Loves You. E non erano più i Fabs. I contributi di George Harrison spaziarono da While My Guitar Gently Weeps (con Clapton alla chitarra) e la mistica Long, Long, Long all’incubo orwelliano Piggies e alla sottovalutata SavoyTruffle.

Il recupero di Ringo Starr della canzone hillbilly del 1962 Don’t Pass Me By e la filastrocca orchestrata da George Martin Good Night – il finale più perfetto – erano tipicamente sottotono. Il produttore Martin aggiunse i Mike Sammes Singers, già apparsi su I Am The Walrus.

A livello di pura ambizione, THE BEATLES ha oscurato tutto il resto della loro produzione, al punto che è stato ritenuto da alcuni il miglior disco mai realizzato. Fu anche il suono dell’imminente rottura – il Disco Bianco che li portò ancora più vicini al Buco Nero.

L’articolo integrale su Classic Rock 77 che si può acquistare qui.

Commenta Via Facebook