Da noioso a indispensabile, con l’aiuto della tecnologia

Semicrome, biscrome, tempi semplici e composti. Più o meno suonava così la frase del vostro amico che va al Conservatorio… della quale avete capite poco o nulla! Ma che vogliate continuare a strimpellare una chitarra con gli accordi maggiori e minori o accompagnare un’amica che canta meravigliosamente, prima o poi arriva il momento in cui incominciate a sospettare che per fare sul serio bisogna affrontare quella montagna dura da scalare chiamata solfeggio.

E man mano che iniziate ad avvicinarvi a un modo più professionale di studiare la musica comprendete ben presto che, vuoi la mancanza di risorse economiche per permettersi lezioni private, vuoi perché arrivate da un percorso scolastico diverso dalle Accademie musicali, i vostri sogni potrebbero infrangersi ben presto.

Non scoraggiatevi! Viviamo in un’epoca in cui quasi tutto (quasi troppo?) si trova online. I prossimi suggerimenti non vogliono privilegiare l’apprendimento da autodidatti a discapito dei percorsi accademici più classici, ma cercheranno invece di non allontanare nessun potenziale futuro musicista dallo studio professionale.

Le risorse online per iniziare lo studio

Esistono moltissimi siti internet dove apprendere la teoria musicale, in parte gratuitamente, in parte a costi accessibili o cumunque differibili nel tempo. Ne segnaleremo solo alcuni, per iniziare, in modo che voi stessi possiate poi in futuro giudicare metodi, costi, disponibilità eventuale di un tutor o di materiale cartaceo per il ripasso come le caratteristiche che possono fare la differenza.

L’Associazione Culturale Quattro Quarti di Teramo offre ad esempio, offre un vero e proprio corso online, gratuito, di solfeggio. Il portale Pianosolo, in rete dal 2008, propone tanti percorsi gratuiti ed altri a pagamento, ma soprattutto versioni di prova per trenta giorni, per darvi il tempo di valutare e poi decidere se proseguire o meno.

Earmaster è contemporaneamente un programma per imparare il solfeggio e per l’ear-training (l’educazione dell’orecchio), con migliaia di esercizi per tutti i livelli; per sottolineare la sua validità segnaliamo che viene adoperato – tra gli altri- dal Berklee College of Music di Boston.

Per i poliglotti non possiamo non segnalarvi altri due siti con tanto materiale utile all’apprendimento: Phonascus, portale per scaricare un programma gratuito che potete installare su qualsiasi sistema operativo e AulaActual, che da oltre vent’anni offre in rete tanti piccoli corsi, gratuiti e non, per imparare a solfeggiare con… semicrome, biscrome, tempi semplici e composti!

Commenta Via Facebook