Il nuovo album dei Misfatto è “L’uomo dalle 12 dita”: un sound in evoluzione

I Misfatto hanno lanciato a gennaio il loro nuovo album, “L’uomo dalle 12 dita“: dodici brani inediti, composti nel corso degli ultimi dodici anni, parallelamente ad altri progetti della band. L’album, fa portatore del concetto di diversità fisica ed estetica, raccontando l’incontro tra Gabriele Finotti e un uomo di colore con 12 dita, da cui prende forma lo scenario creativo dell’autore. Al contempo, il sound della band si rinnova, ancora una volta, aggiungendo al loro tipico rock un contributo elettrico, in grado di renderlo più attuale e di facile ascolto.  L’album vanta, inoltre, la collaborazione con Dargen D’amico nel brano “Ossessione Baudelaire“, singolo del disco che potrete ascoltare nel player qui sotto: un mix tra hip hop e rock che evidenzia la volontà dei Misfatto  di aprirsi a nuovi scenari e sperimentazioni.

I Misfatto hanno celebrato i primi trent’anni di attività artistica proprio lo scorso anno. Nel corso della loro carriera, hanno aperto numerosi live di nomi importanti della musica italiana, come Nomadi, Ministri, Morgan, Lacuna Coil, Alberto Fortis e Irene Grandi. Il loro sound, si è evoluto nel tempo, partendo da un punk-rock, fino a fondere influenze di pop e psichedelia. I brani, sono stati curati da Gabriele Finotti, autore e chitarra della band.
Durante i live, la band alterna momenti più rock ad altri più riflessivi e intimi, creando un atmosfera molto coinvolgente per il pubblico.

Non perderti le ultime novità dei Misfatto, cliccando qui.

Commenta Via Facebook