Roger Waters ammonisce una tribute band dei Pink Floyd

18 Feb 2014 — Roger Waters portrait in Italy — Image by © Simone Cecchetti/Corbis

Roger Waters, grande sostenitore del BDS (Boicottaggio, Disinvestimento e Sanzioni), il movimento di protesta contro il sistema di segregazione imposta dagli israeliani ai danni dei palestinesi, ha scritto una lettera aperta ad una tribute band dei Pink Floyd invitandoli al boicottaggio e ad annullare i loro concerti in programma a Tel Aviv, Haifa e Beer Sheba i primi di gennaio.

Negli ultimi anni l’ex leader dei Pink Floyd ha invitato diversi altri artisti, tra cui Bon Jovi, Lana Del Rey e i Radiohead, a non esibirsi in Israele in segno di protesta. La Uk Pink Floyd Experience, viste le numerose pressioni degli attivisti, ha deciso poi di annullare il suo tour programmato in Israele.

Queste le parole di Waters: “Cantare le mie canzoni a Israele e contribuire al candore culturale del governo razzista e dell’apartheid di quel paese rappresenterebbe una mancanza di rispetto nei miei confronti. Ma avete mai ascoltato con attenzione i pezzi che suonate dal vivo? Le persone che volete intrattenere uccidono i figli dei loro vicini, sparandogli a sangue freddo ogni giorno”.

Commenta Via Facebook

You May Also Like