Record per Bohemian Rhapsody

bohemian rhapsody

Il successo dei Queen continua inarrestabile: Bohemian Rhapsody è il brano del XX secolo più ascoltato in assoluto in streaming. La leggendaria canzone ha raggiunto infatti oltre 1,6 miliardi di ascolti globali.

I dati tengono conto di tutti gli ascolti effettuati sui servizi di streaming, tra cui Spotify, Apple Music, Deezer ecc, oltre che dei flussi provenienti dai video ufficiali su YouTube. Bohemian Rhapsody ha scalzato altri iconici brani della storia della musica come “Smells Like Teen Spirit” dei Nirvana, “Sweet Child O’Mine” dei Guns N’ Roses e “Take on Me” degli A-ha.

È innegabile che il successo della canzone, tratta dall’album “A Night At The Opera” del 1975, abbia avuto un notevole incremento grazie all’uscita, nelle scorse settimane, del biopic sulla celebre rock band. Il film sui Queen è la biografia musicale più vista di sempre ed ha recentemente conquistato due nomination ai Golden Globes.

Queste le parole di Brian May, chitarrista dei Queen: “Così il River of Rock Music si è trasformato in streaming! Sono molto felice che la nostra musica stia ancora fluendo al massimo!”

Lucian Grainge, presidente e CEO di Universal Music Group ha poi aggiunto: “’Bohemian Rhapsody’ è una delle più grandi canzoni di una delle più grandi band della storia. Siamo orgogliosi di rappresentare i Queen e siamo entusiasti nel vedere la canzone ispirare ancora nuovi fan in tutto il mondo a oltre quaranta anni dalla sua uscita. Le mie congratulazioni ai Queen e al manager Jim Beach per un risultato incredibile che testimonia il genio duraturo dei Queen”.

Il successo di Bohemian Rhapsody è stato duraturo per oltre 40 anni. La canzone ha raggiunto due volte il vertice delle classifiche inglesi: la prima alla sua uscita nel 1975 e la seconda volta dopo la morte di Freddie Mercury, a 16 anni dalla sua release. Il brano è rientrato quest’anno in classifica Hot 100 per la terza volta nella storia, conquistando la 33esima posizione. Lunga vita ai Queen ed a Bohemian Rhapsody!

Commenta Via Facebook

You May Also Like