Charles Manson: storia di una rockstar fallita

Charles Manson, rockstar, fallita, Classic Rock, 77, Stonemusic

Sfatiamo un mito: nell’atroce saga di Charles Manson non c’era nulla di demoniaco.

Piuttosto, frustrazioni musicali e artistiche. Che esplosero nello stesso mese del festival di Woodstock, a segnare tragicamente l’inizio della fine di un sogno, e le contraddizioni della scena rock e controculturale di cinquant’anni fa.

Un breve estratto del saggio di Stefano Pogelli che uscirà sul numero 77 di Classic Rock.

Di Stefano Pogelli

Il 9 agosto di quest’anno saranno trascorsi cinquant’anni dalla strage di Bel Air, Los Angeles, nella quale furono massacrati Sharon Tate, moglie di Roman Polanski, e tre suoi amici. Nel frattempo il responsabile del delitto, Charles Manson, è morto in carcere all’età di ottantatré anni. L’anniversario sarà di nuovo l’occasione per sociologi, esperti da salotti televisivi ed esorcisti della domenica per parlare di riti satanici e dei messaggi subliminali nascosti nei solchi dei dischi dei Beatles? La realtà è molto più banale di quanto possa sembrare a prima vista, anche se indubbiamente in rapporto conla scena musicale dell’epoca.

 

https://www.youtube.com/watch?v=1ihTE5cxUCQ

Commenta Via Facebook

You May Also Like