The Woods Band: ricordando Gay e Terry Woods

Gay and Terry Woods, The Woods Band, storia, video, Classic Rock, Folk, Stone Music

Una geografia straordinaria dei sotterranei folk rock, tra Steeleye Span, Dr. Strangely Strange e un grande produttore: Joe Boyd.

È la storia dei coniugi Woods, e di un misconosciuto capolavoro del 1971. La scena del folk revival britannico era affollata da gruppi e musicisti oggi ingiustamente dimenticati. I coniugi Gay e Terry Woods ne furono due figure fondamentali, importante cerniera tra la tradizione irlandese e quella inglese.

Gay Corcoran e Terry Woods  si conoscono nel corso delle tipiche session nei pub, tra un boccale di Guinness e un reel indiavolato. Gay e Terry formano un proprio gruppo, The Woods Band, con Ed Dean alle chitarre e Pat Nash alla batteria, con il quale incidono l’album omonimo nel 1971. Il disco alterna composizioni originali di Terry a brani della tradizione, come il classico As I Roved Out.

La trama è ricca e complessa con una strumentazione sfaccettata basata su concertina, dulcimer, autoharp, mandola e clavicembalo, tutto poggiato su una solida base elettrica; getta un ponte fra la tradizione irlandese e quella inglese alternando sapientemente riff taglienti e di gusto prog ai ritmi arcaici della giga.

 

 

Gay and Terry Woods

Dopo l’album di esordio, la coppia firmerà i successivi semplicemente come duo, Gay and Terry Woods. In BACKWOODS, del 1975, suona anche Mike Giles, la batteria dei primi King Crimson.

Non c’è da stupirsi: in quegli anni di magica e gioiosa confusione creativa tra fine Sessanta e primi Settanta, se Fripp e compagni s’ispiravano per certi arcaismi modali agli artisti della scena folk, questi ultimi infondevano un nuovo vigore alla propria musica utilizzando i riff taglienti dell’uomo schizoide.

 

 

Commenta Via Facebook

You May Also Like