Interrompono il concerto di Capossela

Il movimento Explot Pisa occupa il palco al grido di «Le piazze sono di tutti!»

Ieri sera, Vinicio Capossela, vincitore della targa Tenco 2019, si stava esibendo in Piazza Cavalieri a Pisa per il festiva Numeri Primi Pisa, quando un collettivo di più di duecento studenti appartenenti al movimento Exploit Pisa ha deciso di irrompere improvvisamente sotto il palco sfondando le recinzioni. Tre di loro sono riusciti persino a salire sul palco rubando il microfono e il centro della scena al cantautore.

Il motivi della rivendicazione, come spiegano i ragazzi saliti sul palco e a cui Capossela ha ceduto il microfono, sono la chiusura esclusiva della piazza per l’evento e i prezzi troppo elevati dei biglietti (che partivano da 36 euro arrivando a 48 per la prima fila).

Noi volevamo solo venire in questa piazza che animiamo tutti i giorni. Già paghiamo affitti, tasse universitarie e tutto il resto, almeno qualcosa lasciatelo libero.

Vinicio Capossela ha tentato più volte di riprendere l’esibizione da dove era stata interrotta, ma gli scontri tra contestatori e spettatori ai piedi del palco hanno impedito la continuazione varie volte.
Questo il messaggio apparso sui social di Exploit Pisa dopo il blitz:

Hanno chiuso le piazze con transenne e botteghini. E niente, alla fine siamo entrati. Le piazze sono di tutti, nessuno escluso.

Commenta Via Facebook

You May Also Like