Black Sabbath: la maledizione dietro le loro croci

Geezer Butler racconta della maledizione lanciata ai Black Sabbath che li costringe a indossare delle croci

All’inizio, i membri della band erano accusati regolarmente di essere satanisti e per questo motivo fan da alcuni gruppi estremisti ne sono stati attratti. In una recente intervista a Metal Hammer, il bassista Geezer Butler ha dichiarato:

C’era qualche organizzazione di magia nera che voleva che suonassimo in un cerchio di pietre. Abbiamo detto di no – eravamo in qualche modo contro Satana, invece di promuoverlo – quindi è molto probabile che ci hanno maledetto. Il capo delle streghe bianche ha chiamato la nostra direzione e ha detto che sapeva che ci avevano fatto una maledizione, e che dovevamo indossare croci e che dopodiché avrebbe fatto un rituale.

Sembra assurdo, ma la band credeva a ciò che era stato detto. Infatti, continua:

Ecco perché abbiamo iniziato a indossare croci! Il padre di Ozzy [Osbourne] le ha fatte per noi. Lavorava in una fabbrica di metallo che produceva parti di automobili, quindi ci ha fatto realizzare queste grandi croci con del metallo di riserva.

Nel suo libro di memorie del 2009 “I Am Ozzy”, Osbourne ha raccontato la sua versione della storia:

Non riuscivo a crederci quando ho saputo che della gente praticava l’occulto. Questi mostri con il trucco bianco e le vesti nere sarebbero venuti da noi dopo i nostri concerti e ci avrebbero invitato alle masse nere al cimitero di Highgate a Londra. Direi loro: “Guarda, amico, gli unici spiriti malvagi a cui sono interessato sono chiamati whisky, vodka e gin.” Ad un certo punto siamo stati invitati da un gruppo di satanisti a suonare a Stonehenge. Abbiamo detto loro di andarsene, quindi hanno detto che ci avrebbero maledetto.

Nella nuova intervista, Butler ha ricordato come essere cresciuto nella fede cattolica abbia influenzato la sua esplorazione del mondo che lo circonda:

Avrei sempre sentito parlare di Satana, quindi volevo scoprire di cosa si trattava. Così ho iniziato a leggere su piani astrali, tutto quel genere di cose. Avevo esperienze strane da bambino; sfere che mi appaiono. … Sembra che io sia pazzo. Quando avevo quattro anni, ho sentito una presenza nella stanza e ho visto questa sfera sospesa sopra la mia testa e ho potuto vedere il futuro in essa e è semplicemente scomparsa nel camino. Avevo questi sogni. … Mi sarei svegliato e sarebbe successo il giorno successivo. Molto è scomparso quando sono arrivato alla mia adolescenza.

Commenta Via Facebook

You May Also Like