Donald Trump insulta Bruce Springsteen

Una combo di scontri con il mondo della musica per Donald Trump: ha insultato Bruce Springsteen e ha infranto la promessa di smettere di usare il brano Purple Rain di Prince.

“Non avevo bisogno di Beyoncé e Jay-Z, non avevo bisogno del piccolo Bruce Springsteen”, ha detto Trump riferendosi alla sua vittoria elettorale del 2016. Ha continuato a criticare in modo impreciso le apparizioni del Boss ai raduni di Hillary Clinton, dicendo che Springsteen avrebbe “fatto due canzoni e poi se ne sarebbe andato… e tutti se ne vanno con lui. E sta ancora parlando di fronte alla stessa pessima folla. La cosa più folle che abbia mai visto.”

Inoltre, come se non bastasse, Trump stava parlando a un comizio elettorale a Minneapolis il 9 ottobre, quando è stata utilizzata Purple Rain, anche dopo aver garantito che non sarebbe successo.

The Prince Estate ha reagito pubblicando la lettera in cui era contenuto l’accordo, riprodotto in un tweet. “Il presidente Trump ha suonato Purple Rain di Prince stasera in occasione di un evento della campagna a Minneapolis, nonostante confermasse un anno fa che la campagna non avrebbe usato la musica di Prince. The Prince Estate non darà mai il permesso al presidente Trump di usare le canzoni di Prince”.


L’anno scorso, Springsteen ha descritto il presidente come “un imbecille”. Aggiungendo: “è una cosa terribile che sta accadendo negli States. Sta minando le tradizioni democratiche della nostra nazione”.

Nel 2012, Trump attaccò Springsteen per il suo sostegno alla campagna di rielezione dell’allora presidente Barack Obama. “Perché l’Ohio dovrebbe ascoltare Bruce Springsteen che legge le sue battute?”

Commenta Via Facebook

You May Also Like