Quel famosissimo, ultimo, primo maggio dei Beatles

beatles

Il 1 maggio 1966, i Beatles si esibirono davanti al loro ultimo pubblico inglese pagante. Ovviamente, nessuno all'epoca poteva immaginarlo.

I fan dei Beatles conoscono bene il Rooftop Concert, quel live meraviglioso, improvvisato, e del tutto gratuito, sul tetto della Apple Corps, l'ultimo della carriera dei Fab Four.

L'ultima apparizione davanti a un pubblico inglese pagante avvenne, però, tre anni prima: il 1 maggio del 1966.

Non fu un'esibizione solista. John Lennon, Paul McCartney, Ringo Starr e George Harrison ebbero a loro disposizione solamente 15 minuti all'interno di un grande evento: il New Musical Express Annual Poll-Winners' All-Star Concert.

La manifestazione, promossa dalla storica rivista musicale «NME», si tenne alla Empire Pool di Wembley e vide la partecipazione di artisti di spicco quali lo Spencer Davis Group, i Fortunes, Roy Orbison, i Rolling Stones, gli Who, gli Shadows, gli Yardbirds cui apparteneva Eric Clapton, e molti altri.

Non era il primo anno in cui i Beatles si esibivano all'evento organizzato da «NME». Vi avevano partecipato già nel 1963, con quattro canzoni, poi nel 1964 e nel 1965.

Questa quarta volta, le canzoni furono cinque: I Feel Fine, Nowhere Man, Day Tripper, If I Needed Someone e I'm Down

Nonostante il tempo limitato dell'esibizione, i Fab Four seppero dare il meglio di sé. I quattro raccontarono infatti di essere riusciti, finalmente, a sentirsi suonare, un fatto che non succedeva da tempo, a causa delle urla assordanti dei fan.

Purtroppo di questa esibizione, che contò un pubblico di circa diecimila persone, non rimase molto perché, sebbene la ABC TV stesse riprendendo il concerto, Brian Epstein, il manager della band, non riuscì a stringere un accordo con gli operatori. Per questa ragione, le telecamere vennero spente durante l'esibizione dei Beatles. Lo stesso avvenne con i Rolling Stones.

Fortunatamente, la loro premiazione fu filmata

Lo stesso giorno, alle 21, la BBC trasmise il film The Beatles at the Shea Stadium, un documentario di circa cinquanta minuti registrato nel 1965, durante il concerto che i quattro musicisti di Liverpool tennero al Shea Stadium, a New York. Uno show, più che un concerto: il film mostra infatti tutti i fatti accaduti quella sera, come l'elicottero che trasportò la band da Manhattan a Flushing Meadows e la preparazione nei camerini nello stadio.

Anche quello del 1 maggio 1966 fu un vero e proprio show. Così Alan Smith, giornalista della rivista «NME», commentò la performance dei Beatles:

John stava in piedi a cavalcioni nel suo tipico stile, si infilò un paio di occhiali da sole marroni con il suo tipico stile. Le urla sembravano raggiungere il livello che solo i cani e gli uomini dell'A&R [la divisione di un'etichetta discografica responsabile della scoperta di nuovi artisti da mettere sotto contratto] avrebbero potuto sentire.

Poi, alla fine dell'evento, i Beatles scomparvero dal palco, per non ricomparire più. Mai più.

Il gruppo non avrebbe infatti  più suonato dal vivo in Inghilterra, davanti a un pubblico pagante. Ma allora, nessuno lo poteva immaginare.

Commenta Via Facebook

You May Also Like