Perchè partecipare a COVER ME, contest dedicato a Bruce Springsteen?

In diretta dalla pagina Facebook di Springsteen & Me, Massimo Cotto, Alberto Lanfranchi, Claudio Trotta e Patrizia De Rossi ci raccontano COVER ME, prima competizione italiana dedicata a Bruce Springsteen.

NOI & Springsteen è un festival bergamasco nato quattro anni fa dalla passione di un gruppo di amici per il Boss e la volontà di creare un evento dedicato. Lo ha raccontato Alberto Lanfranchi, fondatore del gruppo omonimo, in una conferenza stampa virtuale, tenutasi alle 12 di venerdì 15 maggio sulla pagina Facebook di NOI & Springsteen.

Alla conferenza hanno partecipato, oltre a Lanfranchi, Massimo Cotto, voce di Virgin Radio, la giornalista Patrizia De Rossi e Claudio Trotta, fondatore di Barley Arts, nonché storico promoter italiano di Springsteen.

Lanfranchi è andato dritto al punto, nel presentare la quarta edizione del festival, che avrà il titolo Magic Trick – Quarant'anni di storie lungo il fiume 1980 – 2020. I fan di Springsteen avranno la possibilità di partecipare a un contest dal titolo COVER ME, riarrangiando in modo originale una canzone del Boss e dando la loro interpretazione.

Così ha spiegato Lanfranchi:

Il contest aperto a tutti, di qualsiasi età, chiunque abbia voglia di scegliere un brano e farlo proprio. Basta inviare la documentazione all'indirizzo e-mail di Noi & Springsteen [che trovate sul sito]. Poi si avrà una prima selezione effettuata dalla giuria, che sceglierà 20 brani. Chi avrà totalizzato il maggior numero di punti passerà alla fase successiva, in cui sarà il pubblico, tramite la sezione “contest” della pagina, darà un punteggio. Da qui arriveremo a una selezione di 10 brani, che parteciperanno alla fase finale, che oggi abbiamo confermato, nonostante la situazione Covid-19: i premi verranno dati il 30 agosto, in occasione dell'evento "Magic Trick" nella splendida location del Seminarino in Città Alta.

Presidente della giuria sarà Massimo Cotto, speaker di Virgin Radio, che ha sottolineato come Bruce sia molto difficile da interpretare e da stravolgere.

Lo stesso Springsteen ha riletto le sue stesse versioni in acustico, ma poche volte ne ha cambiato l’abito sonoro (vedasi Born in the USA). Per questo, riuscire a fare propria una canzone di Springsteen senza creare l’effetto cover band è rischioso, è una sfida nella sfida.

Patrizia De Rossi ha confermato la difficoltà del cantare Springsteen, ma è convinta che nulla sia impossibile.

Voglio puntare sulla sfrontatezza dei giovani, che non hanno paura di misurarsi con un colosso come Springsteen e vogliono dare una loro interpretazione. Metterci la propria anima nelle canzoni di Springsteen può fare la differenza.

A tal proposito, Claudio Trotta ha invitato coloro che desiderino partecipare a non perdere tempo nell'editing dei video o nel montaggio, ma ad andare all'essenza dell’intensa produzione di Bruce.

Mi auguro che le cover siano di canzoni meno famose, soprattutto i sentimenti, i dolori, i dispiaceri, le mediocrità umane. Bruce ha scritto tanto in questo senso. DEVILS & DUST, ad esempio, è uno dei punti più alti della sua letteratura [ve ne abbiamo parlato qua]. È evidente che ci vuole la personalità, abbandonare l’idea di copiare.

Patrizia De Rossi, prima di dare il saluto finale, ha lanciato un appello alle voci femminili, purtroppo da sempre meno attive, ricordando la bellissima voce di Moa Holmsten, già ospite di "NOI & Springsteen" durante la sua terza edizione, e ha invitato nuovamente gli interessati a iscriversi il concorso.

Prima di tutto, partecipare a questo contest è anche un momento di felicità per una città che ha pagato un tributo esagerato a questo Covid. Tornare a far vivere una città bella come Bergamo è da fare. Secondo, dal confronto nascono idee, nasce creatività, nasce una cosa nuova. Il confronto è sempre fondamentale. Terzo, è un’occasione per divertirsi. E non ultimo, il concorso dà la possibilità al vincitore di investire nella sua attività.

Al vincitore infatti saranno dati 1500 euro e la possibilità di realizzare un videoclip in studio. Secondo e terzo premio varranno invece rispettivamente 1000 euro e 500 euro.

Non manca molto alla scadenza del contest. C'è infatti tempo fino al 31 maggio per inviare il proprio videoclip. L'iscrizione, completamente gratuita, è consigliata a tutti coloro che, come ha concluso Claudio Trotta, credono che non ci sia nulla di meglio come la musica per "curare le nostre ferite e segnare la nostra esistenza".

Commenta Via Facebook

You May Also Like