Quando Tony Hadley degli Spandau Ballet fece vincere a un uomo 10.000 dollari

L'ex membro degli Spandau Ballet si è trovato al centro di un contenzioso per una mancata vincita a un quiz radiofonico. Ecco cosa è successo. 

Pare che, di recente, il nome dell'ex membro degli Spandau Ballet sia tornato al centro dei riflettori per via di un messaggio inviato in supporto di un partecipante a un quiz radiofonico a Singapore

In effetti, il 16 marzo scorso, l'emittente radiofonica singaporiana Gold 905 ha dato il via al Celebrity Name Drop Quiz, ovvero un quiz che prevedeva che i concorrenti riconoscessero 14 celebrità solo dalla voce, indicandone il nome corretto e completo. In più, non venivano trasmessi spezzoni di canzoni o dialoghi facenti parte di copioni cinematografici nelle quali la voce di tali celebrità sarebbe stata più riconoscibile, bensì veniva fatta leggere alle diverse star una singola parola dello slogan dell'emittente radiofonica in questione. In questo modo, le loro voci riunite avrebbero creato lo slogan completo.

Fra queste personalità c'era anche il membro fondatore degli Spandau Ballet che finì al centro di una controversia. 

Sembrava un'impresa impossibile ma un partecipante in particolare – Muhammad Shalehan – dopo aver chiamato diverse centinaia di volte e dopo aver ascoltato le risposte giuste e sbagliate degli altri concorrenti, il 21 aprile scorso è riuscito finalmente a trovare la combinazione giusta di nomi, indicandoli tutti e 14.

Il premio, però, gli è stato negato perché secondo la giuria del programma il Signor Shalehan avrebbe sbagliato a pronunciare il nome di Hadley. La vincita è stata quindi assegnata a un altro concorrente che diede le stesse risposte qualche giorno dopo, il 6 maggio. 

Così, è subito scattata la controffensiva dell'artista che, contattato da Shalehan, ha risposto con un video nel quale si diceva dalla parte del concorrente dato che, quest'ultimo, aveva pronunciato correttamente il suo nome.

Di certo Shalehan sperava in una risposta ma non si aspettava che Hadley cercasse di difenderlo in prima linea con un video dedicato a lui. 

Nonostante il video, però, l'emittente non è tornata sui suoi passi, continuando a sostenere che la pronuncia del concorrente non fosse corretta. Venne offerta a Shalehan una somma di 5000 dollari solo dopo l'intervento della BBC ma il concorrente non si diede per vinto sostenendo che non stava cercando soldi ma giustizia

Solo qualche giorno dopo, la stazione radiofonica – visti anche i commenti ricevuti dai propri ascoltatori che stavano dalla parte di Shalehan – decise che se era Tony Hadley stesso a dire che il concorrente aveva pronunciato bene il suo nome non potevano di certo contraddirlo

Così la giustizia ha trionfato: un raggiante Shalehan ha ricevuto il suo premio ringraziando infinitamente la pop star britannica per la propria intercessione. 

You May Also Like