Lutto nella musica: è morta Bonnie Pointer, icona pop degli anni 70

Ci ha lasciati a 69 anni Bonnie Pointer, fondatrice delle Pointer Sisters, gruppo pop degli anni 70 vincitore di tre Grammy. Il ricordo della redazione:

Bonnie Pointer, co-fondatrice delle Pointer Sisters, è morta ieri sera a 69 anni, per cause sconosciute. A comunicarlo la sorella Anita:

Bonnie era la mia migliore amica e parlavamo ogni giorno. Non abbiamo mai litigato. Mi manca già molto e so che un giorno la rivedrò.

Proprio con Anita e le altre sorelle, June e Ruth, Bonnie aveva dato vita al gruppo delle Pointer Sisters, a partire dal 1969. Il quartetto cantava allora in una Chiesa di Oakland. Fu proprio Bonnie a proporre una strada diversa: convinse prima la sorella June a unirsi a lei, cantando come duo alla fine degli anni '60, poi Anita e Ruth.

Tra le canzoni più note delle Pointer Sisters, un misto di jazz, R&B e scat, ci sono Yes We Can Can, inno funk all'uguaglianza, e la ballata country del 1974 Fairytale, che valse al gruppo il primo di tre Grammy.

Nel 1977 Bonnie lasciò le sorelle, firmò con la casa discografica Motown e iniziò una carriera solista, scalando le classifiche con la hit disco Heaven Must Have Sent You

Il resto della formazione, invece, che continuò a farsi chiamare Pointer Sisters, conquistò un successo ancora più grande. Dopo l'addio di Bonnie, il trio ha infatti collezionato una hit dopo l'altra: He’s So ShySlow Hand,I'm So Excited e anche una favolosa versione di Fire di Bruce Springsteen.

La carriera di Bonnie, invece, è stata più modesta. La cantante, infatti, non ha mai ripetuto il successo di Heaven Must Have Sent You, nonostante l'energia che l'ha sempre contraddistinta, come disse nel 1979:

Sono stata la prima a farmi avanti e cantare in pubblico. Volevo far parte dello show business, anche quando tutti mi dicevano che non ce l’avrei fatta.

Vogliamo ricordarla oggi ascoltando la sua hit da solista, che nel 1978 raggiunse la posizione numero 11 della Billboard Hot 100 Chart.

You May Also Like