Quando Louis Armstrong imparò a suonare la tromba… in riformatorio

louis armstrong

L'infanzia di uno dei musicisti jazz più famosi della storia fu tutt'altro che semplice. Basti pensare che iniziò a suonare la tromba (o meglio, la cornetta) in riformatorio. 

A soli 11 anni Louis Armstrong finì in riformatorio, e fu lì che si avvicinò per la prima volta alla musica. La sua breve vita, fino a quel momento, non era stata facile. Lui, uno dei più grandi artisti del Novecento, era nato a New Orleans, in un quartiere tristemente soprannominato "the battlefield" (il campo di battaglia), nipote di schiavi, il 4 agosto del 1901.

Oggi conosciamo la sua data di nascita grazie al ritrovamento dei suoi documenti battesimali, mentre Armstrong ha sempre creduto di essere nato un anno e un mese prima, il 4 luglio del 1900

I suoi primi anni di vita furono segnati dall'abbandono del padre, che lasciò la famiglia senza alcun sostegno economico. Così, la madre fu costretta a prostituirsi per vivere, e affidò i figli alle cure della nonna materna. Insomma, la vita di uno dei più grandi trombettisti di tutti i tempi iniziò nella povertà estrema, in una città che oltretutto era profondamente intrisa di razzismo. Tuttavia, qualcos'altro faceva ribollire di vita New Orleans: il jazz, che all'epoca veniva ancora chiamato ragtime, e che sarebbe stato la salvezza del giovane Armstrong. 

Forse proprio per questo che anni dopo egli affermò: 

Ogni volta che chiudo gli occhi per soffiare nella mia tromba, guardo nel cuore della buona vecchia New Orleans… Mi ha dato qualcosa per cui vivere.

Iniziò a cantare ancora giovanissimo, per procurarsi da vivere. Infatti quando venne cacciato dalla sua scuola, la Fisk School, si unì a un quartetto di ragazzi che cantava per strada per raccogliere qualche spicciolo. Ovviamente fino a quel momento non aveva mai preso lezioni di musica. Sentì il jazz per la prima volta dai gruppi che suonavano nei bordelli e nelle sale da ballo della città. Le cose cambiarono tra i suoi 11 e 12 anni, quando venne arrestato e mandato in riformatorio. La sua colpa? Aver sparato un colpo di pistola in aria a Capodanno, dopo aver sottratto l'arma al suo patrigno. 

Tuttavia, proprio i 18 mesi trascorsi in riformatorio finirono per dare una svolta alla sua vita. Fu qui che, come dichiarato dallo stesso Armstrong, "lui e la musica si sposarono". In questo luogo infatti egli conobbe Peter Davis, un insegnante di musica, da cui imparò a suonare la tromba e la cornetta. Davis, ben presto, lo inserì nella banda del riforatorio. 

Fondamentale punto di riferimento per il giovane Armstrong in quel periodo fu anche una famiglia di ebrei immigrati, i Karnofsky, presso i quali il ragazzo svolgeva dei lavoretti per tirare su qualche soldi. Fu grazie al loro aiuto che Armstrong riuscì a comprare il suo primo strumento musicale, una cornetta

Una volta uscito dal riformatorio, la sua vita non fu di certo più semplice: per un periodo visse con il padre, che però non lo accettò mai, quindi tornò a stare dalla madre, costretto a condividere il letto con lei e la sorella. Tuttavia, Louis Armstrong non si sentiva più solo e impotente: aveva la sua cornetta e aveva la sua musica. 

Credo che tutto il mio successo risalga a quel periodo in cui fui arrestato come ragazzo ribelle. Perché poi dovetti smettere di correre in giro e cominciai ad imparare qualcosa. Soprattutto, ho iniziato a imparare la musica

Ascolta in questo articolo le cover più belle della sua What a Wonderful World.

Commenta Via Facebook

You May Also Like