Hughie Thomasson: la voce più famosa degli Outlaws

Conoscete la storia degli sfortunati esordi degli Outlaws? E quella di Hughie Thomasson, chitarra e poi voce della band?

Hugh Edward Thomasson Jr. – meglio conosciuto come Hughie Thomasson – è stato un chitarrista statunitense noto soprattutto fra gli anni 70 e 80, quando ha iniziato a guadagnare consensi con i suoi Outlaws, dei quali fu anche membro fondatore.

Di certo i più appassionati di country rock fra i nostri lettori ricorderanno questo gruppo formatosi nel sud degli States, più precisamente a Tampa, in Florida, nel 1967

Gli inizi della band non furono del tutto felici: dopo molti e sofferti cambi di formazione, finalmente, nel 1968, l'allora manager del gruppo Paul Deutekom intraprese insieme alla band la traversata della costa atlantica degli Stati Uniti per arrivare agli Epic Studios di New York City. Qui, il gruppo incise il proprio primo album che, però, non venne mai pubblicato per via di un litigio piuttosto importante e diverse incomprensioni fra i membri della band e il sopracitato manager. 

Così, gli Outlaws rimasero con un pugno di mosche e, una volta tornati in Florida, cercarono nuove occasioni commerciali per poter proporre la propria musica al grande pubblico. Trovarono una porta aperta ai Criteria Studios di Miami dove incontrarono anche il produttore di successo Phil Gernhard, che li aiutò a incidere un "secondo primo album".

Poco dopo la fine delle registrazioni, però, per motivi non noti, Gernhard scomparve nel nulla tagliando i ponti con la band, che fu nuovamente lasciata in balia del destino e senza la soddisfazione di vedere il frutto dei propri sforzi esposto sugli scaffali di tutti i negozi di dischi.

Così, per diversi anni, la band subì continui cambi di personale e si trovò in un limbo dal quale fece fatica a uscire. Anche la direzione stilistica del gruppo, infatti, era ancora poco chiara.

Poi, all'inizio degli anni 70, si ebbe una chiara svolta country-rock dovuta anche all'allora membro della band Dave Graham che instradò i ragazzi verso questo genere, dato che lui stesso era un grande fan del sound dei californiani Poco, pionieri del country-rock. 

Arriviamo così al 1974: mancava poco all'inizio di un concerto dei Lynyrd Skynyrd – che in quegli anni erano all'inizio della loro ascesa musicale – per i quali gli Outlaws avrebbero fatto da support group (e dei quali, in futuro, Thomasson sarebbe diventato un membro).

Dopo aver aperto il concerto, gli Outlaws si ritirarono dietro le quinte per lasciare spazio a Ronnie Van Zant e soci. Pare che proprio il frontman della band, poco prima di salire sul palco, prese da parte Clive Davisfondatore e presidente dell'appena nata Arista Records – e gli disse:

Se non firmassi un contratto con gli Outlaws saresti il più stupido produttore musicale che io abbia mai incontrato, e so che non lo sei

Poco dopo, gli Outlaws furono i primi artisti a ottenere un contratto con la Arista Records. Una delle prime canzoni pubblicate dalla band sotto la nuova etichetta discografica fu la famosa There Goes Another Love Song, nata dal pugno di Hughie Thomasson (coautore del brano insieme a Monte Yoho, l'allora batterista della band), estratta dal loro album d'esordio del 1975, OUTLAWS.

Anche la voce che si può apprezzare in There Goes Another Love Song è quella di Thomasson, diventata la più frequentemente associata alla band dato che l'artista ha prestato la propria voce ad alcuni dei brani più celebri del gruppo

You May Also Like