Il pugile che rese famoso Andrea Bocelli

Bocelli

È il 1995: Lucio Quarantotto e Francesco Sartori compongono Con te partirò, cantata da Andrea Bocelli al 45esimo Festival di Sanremo.

Il cantautore Lucio Quarantotto realizzò tre album, collaborò con Franco Battiato e scrisse questo testo magnifico prima di morire suicida a 55 anni. Francesco Sartori aveva suonato con Le Orme, gruppo che assieme alla PFM e al Banco del Mutuo Soccorso risultava tra i più influenti nel progressive rock italiano.

Insieme composero il brano che avrebbe reso famoso Andrea Bocelli in tutto il mondo: Francia, Belgio, Irlanda, Germania, Paesi Bassi, UK... tutti rimasero incantati dalla canzone, interpretata con limpidezza e talento. 

Questa fu la prima performance di Con Te Partirò: quell'anno vinse Giorgia con Come Sapreiseguita da Gianni Morandi in duetto con Barbara Cola al secondo posto (cantarono In Amore), e Ivana Spagna al terzo con Gente Come Noi. Ma come spesso accade, anche chi non vince a Sanremo ottiene una grande visibilità: fu il caso di Bocelli, che arrivò al quarto posto ma ottenne una fama nazionale ed estera.

Tanto grande fu il successo che un pugile tedesco, tale Henry Maske, si innamorò di questa canzone e chiese alla sua amica e cantante Sarah Brightman di celebrare con un duetto il suo ultimo incontro di boxe

Il duetto con Bocelli venne realizzato e prese il titolo di Time To Say Goodbye, versione inglese di Con te Partirò. Il singolo vendette più di quattro milioni di copie in Germania, diventando il più venduto in questa nazione. Il successo fu coronato anche dall'attribuzione a Bocelli dell'Echo Award, concesso ai grandi artisti tedeschi e internazionali.

In Italia non ebbe un grande riscontro, ma solo perché era preferita generalmente la versione originale e solista del tenore. Da qui in poi il successo di Andrea Bocelli fu inarrestabile. Ancora oggi, Bocelli rimane una delle voci italiane più conosciute al mondo. 

You May Also Like