I brani con cui Raf ci ha fatto sognare

Tanti auguri Raf! Dagli anni 80 a oggi il cantautore italiano non ha smesso di regalare emozioni al suo pubblico. Questi sono i cinque brani che ci fanno sentire più nostalgici, romantici, innamorati.

Infinito

Impossibile non sorridere ascoltando questo capolavoro di Raf. Con la sua voce calda e calma, Raf ci riporta all’estate del 2001. Infinito è forse il brano più celebre del cantautore, e non è difficile capire perché: Raf racconta una storia d’amore ormai finita, ed è capace di portare a galla tutti i nostri ricordi a riguardo, tutte le volte che abbiamo dovuto dire addio o che qualcuno se ne è andato dalla nostra vita.

Lo stile era particolare e fino ad allora mai adottato da Raf: c’è molto parlato più che cantato, e anche un pezzo di rap all’inizio del brano. Inutile dire che tocca ancora delle corde profonde di noi fan.

Inevitabile follia

Inevitabile follia, un pezzo indimenticabile, una ballata che ci fa sognare a occhi chiusi. Ecco un amore indissolubile, energetico, che vede due persone vivere quasi in simbiosi, senza riuscire a sentire gli altri attorno. Non esiste niente al di fuori del loro amore. Una relazione che sembra quasi una prigionia, accettata però completamente dai due innamorati: è, appunto, una inevitabile follia.

Non è mai un errore

Non è mai un errore è la storia della fine di un amore. Le parole “Se hai amato era amore, non è mai un errore ci hanno parlato nei momenti di tristezza alla fine di una relazione, e ci hanno ispirato serenità. Anche se ora fa male, un amore è un amore, e questo non potrà mai essere un errore. Il brano venne scritto nel 2008 e uscì nell’album METAMORFOSI. Venne composto con Saverio Grandi e Pacifico.

Via

Via è un vero e proprio invito ad andarsene, a liberarsi dai limiti e dai confini, ad partire all'alba senza meta. Nasce dal desiderio di libertà dai problemi e dalle regole: questa è la canzone a cui pensiamo quando siamo circondati dai sorrisi falsi, dalle apparenze, dai cliché, e sentiamo il bisogno di ritrovare l’onestà di essere noi stessi. Un invito niente male, no?

Sei la più bella del mondo

Quando iniziano le prime note di Sei la più bella del mondo è impossibile resistere alla tentazione di cantarla. Questa canzone è dedicata evidentemente alla donna più bella del mondo, che Raf dice di aver atteso per tutta la sua vita. Non riesce a non gridare e cantare la sua felicità nell’averla trovata. Il brano è un elogio a questa donna che è “una vertigine”, senza sbagli, senza gelosie. Tutto quello che lei fa sembra diverso agli occhi di Raf: persino i suoi passi sono una danza.

Il singolo venne pubblicato nel 1995, e Raf lo porterà al Festivalbar dello stesso anno.

You May Also Like