Come Jacques Morali diede vita ai Village People

village people jacques morali

Ripercorriamo i primi passi del produttore Jacques Morali nelle disco music, con la fondazione di un gruppo leggendario: i Village People. 

Tra gli anni Settanta e Ottanta nacque la disco music. Presto, la discomania divenne non solo fenomeno musicale, ma anche di costume. E, in quel frangente temporale, si affermò uno dei gruppi musicali più iconici del genere, i Village People. La loro unione in quel sestetto che conduceva le danze sulla pista da ballo si deve a Jacques Morali, produttore francese di origine marocchina prematuramente scomparso a 44 anni. Era il 1991 e, qualche anno prima, Morali aveva contratto l'HIV

Morali ha saputo, in vent'anni di esperienza, dare forma a un genere musicale che prima non esisteva e connotarlo in un vero e proprio simbolo estetico.

Tutto cominciò all'inizio degli anni Settanta, quando conobbe in Francia Henri Belolo, che sarebbe diventato il suo braccio destro nell'atto compositivo e creativo. Da subito, i due capirono che in Francia non si poteva raggiungere il successo con canzoni mainstream dal sapore orecchiabile. Queste trovavano più sfogo negli Stati Uniti, dove Morali conquistò un giro di artisti del mondo dello spettacolo, tra cui anche Elizabeth Taylor.  Ed è qui che il produttore cominciò a lavorare in qualità di ghost producer. 

Sembra un termine dispregiativo, ma in realtà è la professione che muove le fila di alcuni grandi successi discografici. Così Morali e Belolo scrivevano le canzoni e componevano la musica, per poi vendere i diritti ad artisti che le avrebbero eseguite sul palco. Si trattava quindi di creare band a tavolino, dal piacevole aspetto estetico e in grado di conquistare un grande pubblico.

Avvenne in questo modo per The Ritchie Familyil primo gruppo creato su misura da Morali, e poi per i Village People. Tutto nacque in una discoteca del Greenwich Village, il quartiere LGBT di New York, dove Morali vide che tutti gli uomini che si scatenavano in pista incarnavano, con i loro travestimenti, dei precisi stereotipi erotici

Così lui li portò in musica, dando vita a un gruppo dove un poliziotto, un operaio, un cowboy, un nativo americano, un soldato e un motociclista potessero interpretare canzoni ballabili, trainanti e altamente orecchiabili. Su testi e melodie fluidamente semplici, Morali costruì delle vere e proprie hit, da Y.M.C.A Macho Man, fino a Go West In The NavyTutti cantavano, tutti ballavano, trasformando una professione in una performance che ogni volta guidava gli avventori di locali notturni e non solo.

Dopo il film Can't Stop The Music (1980) con i Village People protagonisti, il gruppo accrebbe il suo successo già consolidato. Così ancora oggi, tra musical teatrali e travestimenti a tema, si ricorda il fenomeno generazionale creato da Morali. 

You May Also Like