The Day The Music Died: cosa successe quel giorno?

the-day-the-music-died-1

Il 3 febbraio 1959 tre celebri musicisti persero la vita in un incidente aereo. American Pie di Don McLean ci ricorda ancora oggi quel giorno...

Tre giovani vite stroncate da un evento fatale. Così possiamo introdurre quello che, nella memoria collettiva, è nominato come The Day The Music Died. Quell'inverno del 1959 tre musicisti, Buddy Holly, Ritchie Valens e The Big Bopper (J.P. Richardson) erano sul volo che da Clear Lake li avrebbe condotti alla successiva tappa del loro tour. Era intitolato Winter Dance Party e avrebbe dovuto toccare 24 città, ma la festa fu interrotta prima.

E pensare che, se non fosse stato per il riscaldamento rotto sul bus del tour, i tre artisti sarebbero ancora vivi. 

Era stato infatti Buddy Holly, il cantautore rockabilly di 23 anni, a scegliere per sé un aereo privato a causa del raffreddore che si era preso con il freddo. Lo aveva seguito subito il texano J.P. Richardson, 29 anni, anche lui influenzato. Ottenne il posto chiedendolo al musicista country Waylon Jeggins che, costretto al bus, si dice avesse maledetto i due artisti per scherzo augurando loro di schiantarsi con l'aereo.

Infine, il messicano Ritchie Valens, di soli 18 anni, si giocò il posto sull'aereo a testa o croce con il chitarrista Tommy Allsup, che perse. A condurre il gruppo il giovane e inesperto pilota Roger Peterson, la cui idea di volare con il maltempo è ancora oggi avvolta nel mistero. 

Alcune versioni dicono che sia stato lui a decidere di volare nonostante la tempesta di neve e che parte dell'incidente sia stato causato da un momentaneo disorientamento. Altre affermano invece che Peterson non fosse stato avvertito dell'allerta meteo. 

La conseguenza però è fattuale. L'aereo si schiantò nei pressi di Carson City, nell'Iowa, poco dopo essere decollato. Distava otto miglia dalla destinazione del tour. Tuttavia, ad oggi sorgono ancora dei misteri legati all'accaduto. Come la rivoltella di Buddy presente sull'aereo e il fatto che il corpo di J.P. Richardson sia stato trovato molto più lontano dagli altri due

Un'autopsia richiesta dal figlio di Richardson nel 2007 sul corpo riesumato del padre ha però confermato la causa della morte, data da fratture indelebili ossee. Resta quindi attestata la consequenzialità degli eventi. Soprattutto, l'ultima tappa affrontata dagli artisti prima di imbarcarsi, ovvero il Surf Ballroom, in cui ogni anno, in occasione dell'anniversario dell'evento, viene organizzata una serata di ballo a tema anni '50 in loro omaggio.

Nel 2009 poi, il luogo dell'accaduto è diventato un memoriale con le lapidi dei musicisti, a cui è stata aggiunta quella dello sfortunato pilota. 

Rimane quindi un ultimo lascito artistico, quello che ha trasferito in musica l'espressione The Day The Music Died. Si tratta del brano del 1971 di Don McLeanAmerican Pie, eseguito nel 2000 anche da Madonna.

I can't remember if I cried
When I read about his widowed bride
Something touched me deep inside
The day the music died
So, bye-bye, Miss American Pie
You May Also Like