Aiello: “Vi parlo del mio brano per Sanremo e del mio nuovo album, MERIDIONALE”

Aiello, tra la partecipazione a Sanremo con il brano Ora e il nuovo disco, MERIDIONALE, si racconta in conferenza stampa:

Esce venerdì 12 marzo il nuovo album di Aiello, MERIDIONALE, disponibile su tutte le piattaforme digitali e in formato CD. Da domani, sabato 20 febbraio, è possibile il presave e preorder.

In MERIDIONALE, Aiello racconta le proprie radici attraverso un linguaggio nuovo, frutto di una ricerca in continua evoluzione, la cui parola chiave è ‘contaminazione’, di suoni e generi. Nelle tracce, le chitarre classiche e latine incontrano sonorità R&B e Urban, il Clubbing si alterna al Flamenco, la musica popolare meridionale abbraccia il Cantautorato italiano. Lo stile di Aiello è un’esplorazione instancabile e appassionata e quest’album è il suo tentativo sincero di definire ancora una volta il pop alla propria maniera: “MERIDIONALE è un nome che non ho scelto a caso: sono un orgoglioso calabrese, mi andava di dedicare questo lavoro alla terra che mi ha dato la voce, una terra spigolosa e aspra, piena di ombre ma molto bella e generosa. Nel mio piccolo, volevo accendere la luce su una regione di cui si parla sempre in maniera negativa ma non per sottolinearne un dualismo che purtroppo si sente da sempre. Il termine “meridionale” non mi ha mai offeso perché ho sempre trovato nell’essere meridionale un valore aggiunto”.

Questo disco ha avuto una gestazione lunga, dopo EX VOTO (primo album), il secondo disco è sempre un punto di interrogativo, ma Aiello vuole confermare che il primo disco non è stato solo un abbaglio: “Ho fatto un lavoro di onestà e trasparenza, cercando di far fare a me stesso un passo avanti, un’evoluzione. Quando ascolterete MERIDIONALE spero possiate sentire la carnalità e la passione di questo viaggio che ho fatto, due caratteristiche che ho sempre riscontrato nelle popolazioni del sud del mondo. La mia idea di musica abbraccia non solo diversi generi ma anche diversi punti sensazionali, di vibrazioni: da un abbraccio a uno schiaffo, dal ballare alla commozione”.

MERIDIONALE è composto da 10 tracce, tra cui i singoli Vienimi (a ballare), certificato disco d’oro, Che Canzone Siamo e Ora, che sarà presentata sul palco del Teatro Ariston per la 71° edizione del Festival di Sanremo, un brano che mescola Pop, Classic e Urban, prodotto da MACE e BRAIL.

“Quello che porto a Sanremo è un pezzo molto carnale e passionale. Quando ho scritto la canzone non pensavo all’Ariston, infatti la composizione risale al primo lockdown, essendo solo mi è venuto spontaneo fare qualche riflessione e analizzando una situazione mi sono reso conto che, anziché dare agli altri la responsabilità di alcune sofferenze, lo stronzo sono stato io. Raconto la storia di un ragazzo che ha vissuto l’inizio di una potenziale storia molto importante e lo ha vissuto facendo del sano sesso, del sesso che non ha dimenticato e che ho voluto definire “sesso Ibuprofene” perché è stato allo stesso tempo curativo, tossico e liberatorio. Io purtroppo dopo questo sesso sono sparito e me ne sono poi pentito… In ogni caso noterete che la malinconia è il sentimento che più mi rappresenta nella scrittura ma non sprofondo mai nel dolore, provo a ballarci sopra“.

Questa, come sappiamo, sarà un’edizione di Sanremo unica nel suo genere (si spera) e indubbiamente coloro che ne vengono più colpiti a livello emotivo sono sicuramente i cantanti in gara che non avranno modo di rapportarsi con la platea, che da sempre ha avuto un ruolo fondamentale, ma anche di non avere accanto gli affetti più cari a supportarli: “Non avremmo mai immaginato di trovarci in una situazione del genere, non pensavo sarebbe stato così complicato viverlo. Siamo isolati ma comunque strapazzati a destra e a manca. Indubbiamente quella del COVID-19 è una tensione che si accavalla a quella legata a Sanremo. Zero amici, zero famiglia, zero sesso, zero cene. È tutto abbastanza pensante, ma c’è una fiamma nel cuore che mi aiuterà”.

 

You May Also Like