Robert Plant: il viaggio in Islanda che ispirò “Immigrant Song”

Nel 1970, un tour islandese ispirò una delle canzoni più particolari dei Led Zeppelin, ricca di misticismo, letteratura e mitologia norrena: Immigrant Song, guidata dall'urlo di battaglia di Robert Plant e dal riff indimenticabile di Jimmy Page.

Il 5 settembre 1970 veniva pubblicato come singolo Immigrant Song, brano di apertura di LED ZEPPELIN III firmato Atlantic Records. Un pezzo inusuale, potente e intriso di un reticolo di ispirazioni che trovano la loro fonte in Islanda. Quella "terra del ghiaccio e della neve" che apre il primo verso della canzone, dopo l'urlo ipnotico e bellico che Robert Plant pone in apertura del capolavoro scritto a quattro mani con Jimmy Page. Tutto nacque nell'estate del 1970, più precisamente il 22 giugno, data di esordio di un tour in Islanda, proseguito poi a Bath e in Germania fino al 19 luglio. Un'occasione importante per i Led Zeppelin, portavoci per il Regno Unito in un programma di scambio culturale che doveva essere documentato in origine anche da una troupe cinematografica. 

Nell'arena di Laugardalshöll, a Reykjavík: qui i Led Zeppelin diedero sfogo a un'impetuosa esibizione davanti a circa 5.500 persone. Ma tra storici pezzi sul palco, come Dazed And Confused and Whole Lotta Lovequell'ambiente magico e fiabesco immerso nella natura ispirò Plant per un nuovo pezzo, presentato a Bath in anteprima sei giorni dopo. Si tratta proprio della vulcanica Immigrant Song, rievocata nel nuovo millennio come canzone di punta del film School Of Rock e fortemente voluta dal suo protagonista, Jack Black, che pregò in ginocchio i suoi idoli per averla. 

Il brano propone il punto di vista di un esercito di vichinghi pronti all'esplorazione, alla battaglia e alla conquista. In particolare sembra che il riferimento primo sia l'esploratore islandese Leif Erikson, il primo europeo a sbarcare in America intorno all'anno 1000, secondo le leggende folkloristiche. Fioccano riferimenti al Valhalla, luogo sacro delle anime degli eroi della mitologia norrena e al celebre Martello del dio Thor, il Mjöllnir. Proprio quell' "hammer of gods" citato nel brano, ispirerà Stephen Davis per l'omonima biografia degli Zeppelin. 

Ma oltre alla potenza e all'impetuosa cavalcata dell'eroe, ciò che ha catturato maggiormente l'attenzione di Plant è stata la magia del viaggio, la misteriosa esplorazione di luoghi sconosciuti. Per i Led Zeppelin era infatti la prima volta in Islanda, terra antica, costellata di vulcani e di incontaminate distese di liberi spazi. Per questo, oltre alla tradizione letteraria e al folclore che ispirerà l'heavy metal di stampo epico-mitologico, un simbolo immancabile è Marco Polo, l'esploratore per antonomasia.

I Led Zeppelin resero Immigrant Song la canzone di apertura di tutti i loro concerti dal 1970 al 1972. Il suo lascito è immenso, sia nell'immaginario musicale che in quello cinematografico.

Fummo invitati a suonare per un concerto a Reykjavik, ma il giorno prima del nostro arrivo tutti i dipendenti pubblici scioperarono e lo show rischiò di essere annullato. L'università così preparò una sala da concerto tutta per noi. La risposta dei ragazzi è stata notevole e ci divertimmo moltissimo. "Immigrant Song" parlava di quel viaggio ed era la traccia di apertura di un album che doveva essere molto diverso. - Robert Plant

You May Also Like