Addio a Johnny Solinger, ex cantante degli Skid Row

Il 26 giugno si è spento a soli 54 anni Johnny Solinger, cantante degli Skid Row dal 1999 al 2015 e affetto da circa un mese da una grave insufficienza epatica. Originario del Texas, amante del country, padre di famiglia e rocker spericolato, gli diciamo addio. 

Gli Skid Row hanno messo una firma eterna nell'iperuranio rock con la loro hit 18 And Life. Un brano ispirato a un articolo di cronaca sul giornale, che annunciava il suicidio di un ragazzo. A cantare quel pezzo c'è un giovane Sebastian Bach, entrato in squadra con la band nel 1987. I suoi lunghi capelli biondi, lo sguardo seducente e l'identità androgina gli conferiscono una piena veste glam. Tuttavia, nonostante quasi dieci anni di successi insieme, il suo ritiro dagli Skid Row non si conclude pacificamente. Così ricordano gli storici membri della band, Dave Sabo (Snake) alla chitarra, Rachel Bolan al basso e Scotti Hill alla batteria. Al posto dell'ex cantante patinato arriva Johnny Solinger

Il nuovo vocalist registra con gli Skid Row due album, THICKSIN (2003), REVOLUTIONS PER MINUTE (2006) e due EP, UNITED WORLD REBELLION: CHAPTER ONE(2013) e RISE OF THE DAMNATION ARMY – UNITED WORLD REBELLION: CHAPTER TWO (2014). Sin da subito il folle mondo rock affascina Solinger, lontano dal suo Texas e ora sui palchi di tutto il mondo accanto a band come Kiss - con cui gli Skid Row hanno aperto 125 concerti - Def Leppard e Bon Jovi. Ogni sera è una festa, ma presto, come dichiarato dalla Bolan, incomincia a essere evidente come non tutti i membri della band abbiano lo stesso obiettivo. In Solinger si avverte un impegno sempre meno incisivo, tanto da doverlo allontanare dalla band nel 2015. Tuttavia, come dichiarato da Snake:

Questo non ha nulla a che fare con il fatto che Johnny non sia una brava persona; è davvero una brava persona e siamo andati tutti d'accordo. Non c'è alcuna animosità da parte nostra. E queste sono decisioni terribili da prendere. Il ragazzo è con noi da quindici anni, e abbiamo visto un sacco di strada insieme: mi sento estremamente fortunato ad aver trascorso quel tempo in una band con lui. È un grande cantante e starà bene. Ha intenzione di perseguire le sue cose da solista, immagino, ed è quello che dovrebbe fare.

Il percorso solista ha di nuovo incontrato i Kiss durante il Farewell Tourma nel 2019, a seguito di un incidente automobilistico, Solinger ha dovuto ridimensionare i suoi piani discografici. Poi la terribile notizia di un'insufficienza epatica un mese fa, annunciata dal cantante sui social con un post dell'8 maggio: 

È con il cuore pesante che devo far sapere a tutti cosa sta succedendo a me e alla mia salute. Sono stato ricoverato in ospedale nell'ultimo mese. Mi è stata diagnosticata un'insufficienza epatica. E la prognosi non è così buona. Come con la maggior parte dei musicisti, non ho un'assicurazione sanitaria ed è molto difficile ricevere cure adeguate senza di essa. Ho perso molta forza e richiederò anche una terapia fisica.

Al momento, sto cercando di mettere insieme una sorta di raccolta fondi per aiutare con le spese mediche e con le cure palliative di cui avrò bisogno nei prossimi mesi. Chiedo gentilmente a quelli di voi che potrebbero aiutare a mettere insieme questo per farsi avanti. Non chiederei tutto questo se non ne avessi davvero bisogno, ma purtroppo è qui che mi trovo.

Queste le ultime parole di Solinger, che aveva indetto una raccolta fondi per sopperire alle sue cure, bisognose di sette farmaci diversi e un drenaggio del liquido all'addome ogni due giorni. Solinger aveva solo 54 anni e i colleghi l'hanno salutato così: 

Siamo rattristati di apprendere la notizia di nostro fratello Johnny Solinger. I nostri pensieri sono con la sua famiglia, gli amici e i fan. Godspeed Singo. Saluta Scrappy per noi.

You May Also Like