Mina è l’ultima diva: parola di Orietta Berti

mina

Per Orietta Berti non ci sono dubbi: Mina è l’ultima diva rimasta al mondo.

Intervista di Susanna Schimperna tratta dallo Speciale «Mina on Stage», in tutte le edicole e sul nostro store online.

Lei ha debuttato nel 1962, quando Mina aveva già avuto alcuni successi: la vedeva come un punto di riferimento oppure non la seguiva in modo particolare?

Sì, certamente, era un punto di riferimento perché io facevo qualche sua canzone nelle serate, e nel primo concorso per voci nuove a cui partecipai nel 1961 a Reggio Emilia cantai proprio un brano da lei interpretato, Il cielo in una stanza. Proprio in quel concorso conobbi Giorgio Calabrese, che era in giuria e che fu colpito dalla mia interpretazione e mi fece debuttare dal punto di vista discografico.

Poi Mina l’ha conosciuta di persona: in che occasione?

La conobbi a Canzonissima nel 1968, dove lei presentava con Walter Chiari e Paolo Panelli mentre io ero in gara, Mina non partecipava mai a queste gare, ma era la conduttrice; poi ci siamo riviste in altre occasioni televisive, per esempio in una puntata di Senza Rete, l’autore era proprio Calabrese, l’anno dopo in cui lei cantava Non credere, molto bella, ed io L’altalena, il disco che avevo lanciato per l’estate.

Simpatizzammo perché comunque è una persona molto gentile: quando facevamo le prove per Canzonissima, lei arrivava verso la fine, proprio quando doveva provare. Una volta è venuta e ha visto mio marito Osvaldo con un soprabito di pelle color cognac, lungo che arrivava quasi ai piedi e che andava molto di moda all’epoca. Gli chiese se poteva provarlo, le andava a pennello, e allora disse a Osvaldo che glielo voleva comprare, ma lui le disse di no: “Mi spiace, ma è un regalo che mi ha fatto Orietta a Natale”, e lei ha cominciato a ridere in modo molto simpatico.

Mina faceva un po’ come gli stranieri, che ascoltavano il festival di Sanremo e poi prendevano le canzoni e le reincidevano, lei faceva così: se c’era una canzone che la colpiva, anche se magari non andava in finale, dopo un po’ la metteva in un suo album e a volte avevano il successo che nell’originale non avevano avuto, come E se domani o La voce del silenzio.

In quel periodo, gli autori proponevano le loro canzoni a vari artisti, tramite le edizioni musicali, per cui poteva capitare che una canzone prima di essere incisa fosse proposta a tanti cantanti. C’è mai stata qualche canzone che prima di arrivare a Mina era stata proposta a lei?

Sì, certo, Grande, grande, grande, scritta da Alberto Testa e Tony Renis: prima di arrivare a Mina, ha fatto il giro di tutte le case discografiche. Come primo ascolto, Tony Renis l’ha portata a me: avevo appena avuto il successo di Tu sei quello e Io ti darò di più e lui mi disse che dopo queste due canzoni di conferma di un amore avrei dovuto staccarmi e cantare un amore che non mi dava niente, in cui mi aspettavo qualcosa di più e in cui ero solo io a dare, come raccontavano le parole di Testa.

La Polydor, la mia casa discografica, era una multinazionale tedesca e i dirigenti non conoscevano il gusto degli italiani, quindi c’era questa abitudine: per scegliere una canzone facevano una specie di referendum, mettevano i provini in trasmissione nella fabbrica che avevano, la Philips, così gli operai, gli impiegati, ma anche i dirigenti, mentre lavoravano ascoltavano le canzoni dal lunedì al venerdì e poi il venerdì sera prima di uscire sceglievano la canzone preferita. Nel caso di Grande, grande, grande non venne mai votata tra le prime in tutte le settimane in cui fu fatta ascoltare, anzi arrivò sempre negli ultimi posti, per cui si convinsero che non era un brano potenzialmente di successo perché non piaceva al popolo, e allora non me la fecero fare.

Il ragionamento loro era che siccome i lavoratori non l’avevano votata non avrebbe avuto successo, quindi per due volte dissi di no a Tony, che a un certo punto si era anche arrabbiato e insisteva, del resto lui se ne intendeva di canzoni.

Però le teste dure dei tedeschi non si possono cambiare, e quindi non la feci. Dopo qualche tempo, nonostante tutto, Tony Renis, che era gentile e a cui era passata l’arrabbiatura, mi disse: “Mina ha deciso di inciderla in un album che esce in estate, che verrà poi lanciato a settembre, ma non la farà su 45 giri, promuoveranno un’altra canzone: quindi se vuoi potresti inciderla almeno come lato B”, solo che in questo caso io avevo già preparato i due brani e quindi, per la terza volta, non l’ho fatta.

Poi dopo qualche tempo Grande, grande, grande è diventata un successo: Tony mi ha raccontato che l’avevano trasmessa per radio per errore, nel senso che invece di trasmettere quella che volevano il tecnico ne aveva messa un’altra, e poi hanno ricevuto tantissime telefonate di gente che voleva sapere che canzone era, era piaciuta molto, a quel punto Mina stessa si è ricreduta e ha deciso di lanciarla, e così è uscito il singolo.

Lei però anni dopo, nel 1999, ha inciso per la Sony un album intitolato INCOMPATIBILI MA INDIVISIBILI, in cui ha cantato una sua versione di Grande, grande, grande. E poi in seguito, nell’album EMOZIONI D’AUTORE del 2003, ha incluso Se telefonando, Insieme, L’ultima occasione e La voce del silenzio, altri brani dal repertorio di Mina, e poi nel 2008 in swing Un anno d’amore. Ha voluto confrontarsi con lei?

No, è che si tratta di brani che ho cantato molte volte in televisione, spesso in duetti con altri artisti, in trasmissioni in cui si dovevano cantare canzoni non del proprio repertorio, non solo di Mina, ma anche di altri, Cocciante, la Vanoni, Endrigo. Mi venivano bene e quindi, quando ho avuto un po’ di autonomia come produzione, ho deciso di inciderle. Un po’ come faceva lei quando estrapolava dagli altri cantanti le canzoni che le piacevano e le faceva sue: E se domani in origine era di Fausto Cigliano, non di Mina, La voce del silenzio era di Tony Del Monaco.

D’altronde il nostro lavoro è anche questo: prendere idee da altri artisti e farle proprie, e producendosi da soli è possibile fare un po’ i dischi come si vuole. Anche questa è una caratteristica di Mina che, dopo altri come Natalino Otto o Celentano, ha deciso di aprire una sua casa discografica, la PDU. Anche io l’ho fatto qualche anno dopo con la Gapp Music, con cui ho fatto tutti i miei ultimi dischi.

Mina

Ha più avuto modo di rivederla negli ultimi anni?

No, dopo il suo ritiro dalle scene, quando si è messa a fare solo i dischi, non l’ho più vista, però sono rimasta in contatto tramite il figlio, Massimiliano, con cui ci sentiamo, mi dice come sta la mamma, mi porta i saluti, e qualche volta ci siamo anche visti, in un periodo siamo stati anche tutti e due ospiti fissi in una trasmissione radiofonica.

Con Mina ci scambiamo regali gastronomici: qui da noi a Cavriago c’è il migliore Parmigiano-Reggiano, l’originale, perché è fatto con il latte di un tipo di mucche, le vacche rosse, che allevano qui nella zona: fanno solo diciotto litri di latte al giorno, sono enormi, grosse come le chianine, per cui non tutti i contadini le allevano perché altre vacche, come quelle olandesi, di litri ne fanno settantacinque al giorno. Ma il Parmigiano del latte delle olandesi si sente che è diverso, non che non sia buono, ma è meno di qualità.

Io prendo questo Parmigiano delle vacche rosse per Massimiliano, mentre lui mi porta i formaggi svizzeri che mi manda la mamma, e mi racconta come sta. Io credo che, per il suo personaggio, Mina abbia fatto la scelta giusta di ritirarsi, proprio come una diva. Diciamo che è l’unica diva rimasta, ormai non ci sono nemmeno più a Hollywood, dove incontri gli attori in giro normalmente: io vado spesso laggiù e ho incontrato Madonna a fare la spesa al supermercato, Robert De Niro in un negozio di scarpe, Arnold Schwarzenegger al Caffè Italia che mangiava un’insalata, Leonardo Di Caprio una domenica mattina che faceva colazione nel bar di un famoso albergo, il Four Seasons. Si incontrano così come se niente fosse, non c’è più il divismo di una volta, se non per Mina, secondo me.

Leggi l'intera intervista su «Vinile Monografie» n.2, rivista dedicata a Mina. Puoi trovarla in tutte le edicole e sul nostro store online.

Mina on Stage
You May Also Like