Foo Fighters/Dee Gees: ecco il videoclip di “You Should Be Dancing”

Foo FIghters, Just Play, Stonemusic, News

Ve li ricordate i Foo Fighters in chiave Bee Gees? Qualche mese fa, il loro outfit anni Settanta ha lanciato l'album HAIL SATIN, uscito il 17 luglio e ricco di cover del celebre timbro dance dei fratelli Gibb. Siete curiosi di vedere il nuovo videoclip?

10 brani, 39 minuti, 7 secondi. Un pacchetto di tutto rispetto per i Foo Fighters in veste Dee Gees a cavallo del loro nuovo album, HAIL SATIN. Ebbene sì, vi avevamo già raccontato dell’evoluzione della rock band di Dave Grohl in una tribute band ai Bee Gees, ma non avevamo ancora tra le mani il succoso videoclip di You Should Be Dancing. Questo, rilasciato l’11 luglio 2021, ha anticipato di una settimana l’uscita dell’album e, ad oggi, vanta 2.743.748 visualizzazioni su Youtube. E come dare torto allo spettatore che freme dalla voglia di vedere i Foo Fighters nelle vesti patinate dei fratelli Gibb.

Ma non ci sono i completi bianchi, le camicie slacciate, l’abbronzatura e gli occhiali da sole dello scatto fotografico che ha lanciato l’album. Se ve li siete persi, ecco a voi l’immagine che ha incorniciato le riviste negli ultimi due mesi, tratteggiando i pionieri dell’alternative rock come principi californiani degli anni Settanta. Nel videoclip di You Should Be Dancing, però, l’unico aspetto Bee Gees è dato dalle luci strobo del locale in cui la band, al fianco delle coriste, reinterpreta il brano. E non si tratta di un pezzo qualunque, ma del maggior successo dei fratelli australiani, che nel 1976 è rimasto per una settimana nell’agognata Billboard Hot 100 e per sette settimane nella Hot Dance Club Play Chart.

Non solo, ma il grande pubblico lo ha amato attraverso le movenze ballerine di John Travolta, poco più che ventenne nel cult di John Badham, La febbre del sabato sera (1977). Tutto vestito della sua camicia da sera in raso e dei pantaloni stretti, Tony Manero tratteggia una precisa icona della disco dance, che rivive in chiave contemporanea con l’omaggio dei più sobri, ma musicalmente elettrizzanti, Foo Figthers. E per assaporarne il nuovo formato basta lasciarsi guidare dalla ritmata intro in cui entra a gamba tesa il falsetto di Grohl, una delle cose più difficili che il cantante abbia mai fatto, secondo le sue stesse parole.

Questo e molto altro tra i 10 brani di HAIL SATIN, che comprendono cover dei Bee Gees e alcune chicche di MEDICINE AT MIDNIGHT, l’album che Grohl ha definito come il disco movimentato e ballerino dei Foo Fighters. Dal video di You Should Be Dancing c’è quindi da aspettarsi solo pura energia, in uno step visivamente accattivante rispetto al lancio di febbraio, quando la band si era esibita per il programma di Jo Wiley su BBC Radio 2. Il loro è un omaggio importante, dato che il cavallo di battaglia dei Bee Gees ha inaugurato la stagione delle discoteche.

A metà anni Settanta si chiamavano ancora Dancing ed erano guidate dal funky di James Brown e dalla potenza trainante di Gloria Gaynor. Dal 1978, dopo La Febbre Del Sabato Sera, i Bee Gees conquistarono a mani basse la pista da ballo, affiancati dai Village People e da Donna Summer. Oggi, le dinamiche musicali sono cambiate ma, proprio come i Bee Gees nel pop, i Foo Fighters hanno inaugurato una nuova generazione rock, talentuosa e in costante evoluzione. Non ci si può mai aspettare cosa avranno in serbo per noi i FF, ed è questo il bello.

You May Also Like