I terribili incidenti che sconvolsero la vita di Roy Orbison

Una carriera costellata di successi quella di Roy Orbison: brillante cantautore e chitarrista, la sua vita sembrava essere perfetta. L'artista dovette, però, fronteggiare una serie di terribili tragedie che lo cambiarono per sempre.

Roy Orbison nacque a Vernon il 23 aprile del 1936 da una famiglia operai. Sin da giovanissimo coltivò la passione per la musica, fondando la sua prima band a tredici anni. Riscosse una prima dose di successo già a vent'anni col suo primo singolo, Ooby Dooby. La carriera di Orbison prese il volo tra gli anni '50 e i '60; periodo in cui diede alla luce le sue hit più evocative, tra cui la celeberrima Pretty Woman. Negli anni, collaborò con moltissimi grandi artisti, partecipando alla tournée europea dei Beatles del 1963 e suonando con Beach Boys e Rolling Stones, tra gli altri. Sul fronte privato, Orbison era sposato dal 1955 e il suo sembrò essere un matrimonio perfetto. Purtroppo, però, la tragedia era dietro l'angolo.

Il terribile incidente che distrusse la vita di Roy Orbison

La vita matrimoniale di Roy Orbison si scontrò, ben presto, con il dinamismo della sua professione. Per questo, nel 1964, lui e sua moglie Claudette divorziarono. Il cantautore l'avrebbe risposata solo due anni dopo, nel 1966, appianando le divergenze che avevano leso il loro rapporto. Purtroppo, però, Orbison avrebbe di lì a poco perso l'amore della sua vita. Un'orribile catastrofe avrebbe colpito il cantante travolgendolo. Nello stesso anno in cui tornò con sua moglie, infatti, la giovane Claudette, appena ventiquattrenne, rimase coinvolta in un incidente motociclistico che le fu fatale. Claudette morì sul colpo dopo essersi scontrata contro un camion in Texas.

roy orbison pretty woman

Questo, purtroppo, non fu l'unico incidente che distrusse Orbison nel profondo. A soli due anni dall'accaduto, infatti, due dei suoi figli persero la vita nell'incendio della sua casa a Nashville. L'artista, intanto, era in tour nel Regno Unito. Il frutto della sua unione con Claudette furono tre bambini: Roy Dewayne, Wesley e Anthony. Solo l'ultimo sopravvisse alle fiamme. Orbison si sarebbe successivamente risposato e avrebbe avuto altri due figli. In ogni caso, le ombre del suo passato non l'avrebbero mai lasciato, conducendolo ad una morte prematura, a soli 52 anni, avvenuta il 6 dicembre del 1988. Il cantautore perse la vita per un attacco cardiaco, mentre si trovava a casa della madre in un momento di riposo dopo l'ennesimo tour europeo. Pare che per Orbison sopportare il peso di perdite così dolorose fosse diventato impossibile.

La carriera di Orbison tra luci e ombre

Roy Orbison era un artista brillante. La sua figura non perse smalto nemmeno con la nascita del rock e di tutti i suoi sottogeneri, anzi. Negli ultimi anni della sua vita arrivò a prendere parte ad un progetto di gruppo, i Traveling Wilburys, a cui tra gli altri si unirono anche personalità come Bob Dylan, George Harrison, Tom Petty e Jeff Lynne. Non solo, nel 1988, prima di morire,registrò l'album MYSTERY GIRL, con la collaborazione di Bono e Mike Campbell. Fu uno dei suoi migliori lavori in assoluto. Il suo apporto sulla scena musicale contemporanea è particolarmente profondo, nonostante non sempre gli vengano attribuiti i plausi adeguati.

You May Also Like