“Ci siamo divertiti molto. Poi è finito tutto”: Perché il successo dei Led Zeppelin non era abbastanza per Robert Plant

Robert Plant Allison Krauss
Foto di David McClister

Robert Plant ha parlato della rottura dei Led Zeppelin, della dipendenza che lo anima, e ha annunciato il tour 2022 con Alison Krauss.

Articolo di Paul Brannigan, Classic Rock UK

Robert Plant Allison Krauss
Foto di David McClister

Robert Plant ha annunciato un tour nell'estate del 2022 insieme ad Alison Krauss, e ha rivelato che i ricordi delle indiscrezioni riguardo al suo ritiro dal mondo della musica nel 1980, dopo lo scioglimento dei Led Zeppelin, gli sono serviti da stimolo per tenere "un piede sul pedale". "È la prerogativa di un pazzo!" Insiste Plant. Il cantante parla del suo desiderio di continuare ad andare avanti in una nuova intervista con il giornale britannico The Telegraph. Riassumendo la sua esperienza con gli Zeppelin in sole tre brevi frasi nell'articolo, Plant dice: "Abbiamo fatto grande musica. Ci siamo divertiti molto. E poi tutto si è fermato".

"Avevo 19 anni durante le prime prove dei Led Zeppelin, e ne avevo 32 quando John [Bonham] morì, quel periodo terribile", ricorda nel The Telegraph. "La gente mi diceva: 'Beh, avrai fatto abbastanza adesso?' Abbastanza di cosa, cazzo? 'Abbastanza per andare in pensione!' Quindi immaginate la benedizione di essere 40 anni più avanti sulla strada, e non sapere ancora abbastanza per fermarmi sotto ogni punto di vista. C'è sempre qualcosa di nuovo da imparare, un posto nuovo dove andare. Lo adoro".

Come prova del suo desiderio di continuare ad andare avanti, l'uscita il 19 novembre di RAISING THE ROOF, il secondo album di collaborazione di Plant con la leggenda Alison Krauss, è stata accompagnata da un annuncio che il duo suonerà spettacoli negli Stati Uniti e in Europa nell'estate del 2022.

You May Also Like