Top 10 doppi album rock

Bert Verhoeff (ANEFO) – gahetNA (Nationaal Archief NL): Rolling Stones concert in Zuiderpark te Den Haag, Mick Jagger in aktie, Nationaal Archief, Den Haag, Fotocollectie Anefo, 2.24.01.05 928-6120. Mick Jagger during a Rolling Stones concert in Zuiderpark in The Hague on May 29, 1976. This is a cropped and retouched (adjustments of colour, sharpened, removed some spots) version of the original image from the Nationaal Archief.Permission details This file is licensed under the Creative Commons Attribution-Share Alike 3.0 Unported license. You are free: to share – to copy, distribute and transmit the work to remix – to adapt the work Under the following conditions: attribution – You must give appropriate credit, provide a link to the license, and indicate if changes were made. You may do so in any reasonable manner, but not in any way that suggests the licensor endorses you or your use. share alike – If you remix, transform, or build upon the material, you must distribute your contributions under the same or compatible license as the original.View more CC BY-SA 3.0

Negli anni d'oro del rock, rilasciare un doppio album rappresentava rito di passaggio per ogni artista di successo. Per questa ragione, oggi ci ritroviamo con un ammontare di preziosi LP ricchi di brani eccellenti, tutti da scoprire.

Quando i dischi seguono una struttura del genere, incappare in tracce meno spinte o, comunque, non al passo con il tenore elevato del resto delle produzioni può essere particolarmente facile. Proprio in questo, dunque, risiede la principale differenza tra un doppio album più o meno riuscito ed uno memorabile. Nelle prossime righe ci concentreremo su quest'ultima categoria, scoprendo i migliori double LP nella storia del rock.

Fleetwood Mac - TUSK

Del 1979, TUSK fu il seguito diretto del celeberrimo RUMOURS. L'album costò al gruppo oltre un milione di dollari, una cifra record per l'epoca. Fu un trionfo assoluto dal punto di vista stilistico, contenendo un'amalgama equilibrata dei sound che avrebbero contraddistinto le opere soliste dei vari membri della formazione.

The Who - TOMMY

Esattamente dieci anni prima, Pete Townshend e la sua band diedero vita a quella che sarebbe stata definita dai posteri come la prima opera rock di sempre. TOMMY funse da apripista a tutta una serie di lavori, tra capolavori inarrivabili e meri esercizi di stile, che avrebbero caratterizzato un intero filone musicale.

Pink Floyd - THE WALL

Del 1979 è anche il trionfo dell'estro sregolato di Roger Waters che, in THE WALL, convogliò tutti i suoi traumi infantili relativi alla II Guerra Mondiale. THE WALL è pura catarsi dell'uomo oltre l'artista, circondato, al tempo, da un ammontare spropositato di controversie divistiche.

Led Zeppelin - PHYSICAL GRAFFITI

Un disco di proporzioni gargantuesche e, senz'altro, uno dei lavori migliori della band madre dell'hard rock. Nel 1975, i Led Zeppelin danno vita a PHYSICAL GRAFFITI partendo da alcune rimanenze dei lavori precedenti e accompagnandole a nuove, tuonanti, composizioni.

Elton John - GOODBYE YELLOW BRICK ROAD

Al picco della sua carriera, nel '73, Elton John rilasciò un disco in cui trovano dimora alcuni dei suoi brani più evocativi: da hit pop senza tempo a tracce rock senza compromessi, il tutto impreziosito dall'impetuosa verve artistica di Rocket-Man.

Derek & The Dominos - LAYLA AND OTHER ASSORTED LOVE SONGS

Nacque in seno al triangolo amoroso creatosi tra Slowhand, il suo migliore amico George Harrison e colei che, al tempo, era sposata con quest'ultimo, la modella Pattie Boyd, nel 1970. Un mix intenso di cover ed originali in cui trova spazio una pietra miliare del catalogo di Clapton: Layla. 

Jimi Hendrix - ELECTRIC LADYLAND

Uscì nel 1968, il terzo album di Jimi Hendrix. ELECTRIC LADYLAND rappresenta un'esperienza d'ascolto variegata, in cui è possibile immergersi a pieno nelle sfumature tripudianti del sound del guitar hero per eccellenza. Dal rock al blues, fino ad arrivare a jazz, soul, funk e, addirittura, folk, il tutto elettrificato dalle chitarre lisergiche di Jimi.

The Beatles - THE BEATLES

Il WHITE ALBUM dei Beatles del 1968, un lavoro diviso in cui il Quartetto di Liverpool si alternò come band d'accompagnamento per ognuno dei suoi componenti. Proprio come TUSK, infatti, THE BEATLES è il risultato della somma degli orizzonti sonori individuali dei vari membri della band.

Bob Dylan - BLONDE ON BLONDE

1966, Bob Dylan rilascia il suo album più famoso, oscillando sprezzante tra il pop, il blues ed il rock. Coronò la prorompente triade costituita dal disco insieme a BRINGING IT ALL BACK HOME e HIGHWAY 61 REVISITED.

Rolling Stones - EXILE ON MAIN ST.

Un album oscuro, circondato dall'aleggiare pericoloso delle droghe e delle tentazioni dell'ego. EXILE è pura audacia, alimentata da un adrenalinico e distruttivo edonismo, in grado di dare vita ad un doppio album indimenticabile a cui la band lavorò con estenuazione, per darlo alla luce nel 1972.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You May Also Like