È improvvisamente scomparso Mark Hollis, la voce dei Talk Talk

Mark Hollis, Morte, Talk Talk, Stonemusic

Non si conosce la causa della morte del frontman e fondatore del gruppo inglese, che aveva 64 anni

Si intitolano “It’s My Life” e “Such A Shame” i due brani più conosciuti dei Talk Talk, il gruppo britannico fondato da Mark Hollis nel 1981, la cui parabola artistica, che durò fino al 1992,  partì dal synth-pop fino ad arrivare ad anticipare i temi del post-rock.

Il successo del quartetto arrivò con il secondo album “It’s My Life” del 1984, che li rese famosi in Europa e negli Stati Uniti, ma fu il terzo disco, “The Colour Of Spring”, a cambiare il suono dei Talk Talk, spostandosi verso un mix di suoni elettronici e di aperture jazz-rock.

Il gruppo si sciolse dopo la pubblicazione di “Spirit of Eden(1988) e “Laughing Stock” (1991), considerati due album seminalii dalla scena post-rock; Hollis pubblicò ancora un album in solo (Mark Hollis) nel 1998, ancora dal sound eclettico ma con toni più acustici, per poi ritirarsi dalla scena musicale e dedicarsi alla famiglia e ai due figli.

Diverse fonti hanno confermato la morte del musicista e cantante inglese (come i tweet dellex bassista del gruppo, Paul Webb), di cui non si conoscono dettagli.

It’s a shame
Such a shame
Number me with rage.
It’s a shame
Such a shame
Number me in haste.
Such a shame
This eagerness to change
It’s a shame.
The dice beside my fate and that’s a shame in these trembling hands.
My faith tells me to react I don’t care
(Such a Shame,  1984)

R.I.P. Mark.


Commenta Via Facebook

You May Also Like