È uscito il 30 novembre, per Warner Music, il nuovo disco di Mina “Paradiso (Lucio Battisti Songbook)”.

A vent’anni dalla scomparsa di Lucio, Mina canta le canzoni di Battisti-Mogol in una raccolta di interpretazioni già edite, con l’aggiunta di due brani mai pubblicati prima: “Vento nel vento” arrangiata da Rocco Tanica e “Il tempo di morire” arrangiata da Massimiliano Pani, in rotazione radiofonica da venerdì 16 novembre.

L’album è disponibile in doppio CD, triplo LP e in digitale. Nel disco sono stati inseriti anche due brani non più reperibili, inclusi in precedenza nell’antologia ormai fuori catalogo “Mazzini canta Battisti” (“Perché no” e “Il leone e la gallina”), recuperati per questa nuova release. L’edizione CD contiene altre rarità: cinque canzoni di Battisti in spagnolo e una in francese.

Tutte le registrazioni incluse in “Paradiso – Battisti Songbook” sono state riversate in digitale dai nastri originali, editate, restaurate, rimasterizzate e rimixate a cura di Celeste Frigo, con la supervisione della stessa Mina, che ha seguito passo dopo passo l’intera operazione. Ad alcune canzoni, cinque in tutto, sono stati addizionati programmazione e tastiere a cura di Ugo Bongianni e Massimiliano Pani.

La confezione di “Paradiso – Battisti Songbook” è curata da Mauro Balletti e da Giuseppe Spada e il motivo della scelta del titolo lo spiega la stessa Mina: “Per un’interprete cantare le canzoni di Lucio è un’esperienza celestiale”.

Nel booklet dell’edizione CD e sulla copertina dell’edizione in vinile è poi ripresa la lettera che Mina scrisse a Lucio Battisti, pubblicata su “Liberal” il 28 settembre 1998, qualche giorno dopo la sua morte.
Mina e Lucio Battisti, separatamente e insieme, hanno scritto gran parte della storia della canzone italiana moderna.

mina

Commenta Via Facebook