Mentre Bohemian Rhapsody continua ad essere record di incassi, Rami Malek, intervistato a New York, ha svelato uno dei retroscena del biopic in cui interpreta Freddie Mercury.

La scena chiave del Live Aid è stata registrata in una sola ripresa, su insistenza proprio del protagonista. Pare infatti che le registrazioni delle singole canzoni mancassero dell’energia necessaria che l’esibizione più iconica della storia avrebbe dovuto trasmettere.

Ecco cosa ha dichiarato Malek: “Ero preparato, ma nessuno può mai prepararti per quello che era quel momento. Ciò che alcuni considerano la più grande esibizione nella storia del rock è stata una vera sfida. Ho detto, ‘Che diavolo, hanno costruito il palco, facciamolo.'”

“Doveva essere una giornata di prove, ma tutti erano in costume, quindi ero molto sospettoso… Avevo una certa sicurezza di lavorare su lunghe riprese con Mr. Robot, il che mi ha dato la possibilità di calmarmi. Si trattava di affondare o nuotare, un battesimo di fuoco: il primo giorno c’era “Bohemian Rhapsody”, il secondo giorno era “Radio Gaga”…”

Ha spiegato “Abbiamo portato tre gru con le telecamere e abbiamo eseguito l’intero set di 22 minuti. È stata la migliore ripresa che abbiamo mai fatto. Corri pieno di adrenalina. Il mio cuore batte forte solo a pensarci. Ti rendi conto di quanta adrenalina scorreva nelle vene di Freddie Mercury davanti a quelle 75.000 persone. Davvero, adoro recitare. Raggiungere questa sensazione da rock star, era come essere drogati.”

Le indiscrezioni vorrebbero Malek candidato all’Oscar proprio per la sua performance nel biopic sulla carriera dei Queen e non si può certo negare che l’attore di Mr. Robot non sia stato all’altezza del ruolo. Lo stesso Brian May ha dichiarato di aver visto in lui un perfetto Freddie Mercury.

Commenta Via Facebook