Woodstock nel 2019? Spuntano i primi possibili nomi

Già da qualche tempo girano rumors che vedrebbero un ritorno del leggendario festival di Woodstock nel 2019, per celebrare i 50 anni dall’evento originale.

Michael Lang, uno degli organizzatori del festival del 1969, ha dichiarato che il progetto è in procinto di andare in porto e che nonostante non ci sia ancora nulla di confermato, un annuncio ufficiale potrebbe arrivare tra non molto.

Queste le sue parole: “Non possiamo ancora dire ‘affare fatto’, ma ci siamo molto vicini. “Abbiamo dei piani. Dei piani concreti. Speriamo di convincere la gente a uscire di casa, a parlare, a impegnarsi, ad andare a votare per salvare questo pianeta. Siamo nei guai, e per molti versi sembra di essere stati trasportati indietro nel tempo.”

Lo spirito del festival sarebbe quindi improntato all’attivismo, alla giustizia sociale e alla sostenibilità ambientale.

Nel frattempo iniziano a circolare le prime indiscrezioni sui nomi che potrebbero far parte di questa nuova edizione del festival. Tra i primi artisti ci sono i Pearl Jam e i Foo Fighters (che hanno recentemente annunciato le date dei festival di cui saranno headliner), e poi Logic, The Weeknd, Coldplay, Mumford and Sons, Lumineers, Graham Nash, Neil Young, Santana, The Who, Phish, Joan Baez, Bon Jovi, Elton John, The Doobie Brothers, Zac Brown Band, Daft Punk, Deadmau5, Skrillex, Steve Aoki e Chainsmokers, tra gli altri.

Non resta che aspettare una eventuale conferma riguardo l’edizione 2019 di Woodstock.

Commenta Via Facebook

You May Also Like