Francesco De Gregori alla Garbatella: Live Review

Francesco De Gregori, Garbatella, Live Review, live, recensione, Filippo De Orchi, Popular, Stone Music

La recensione del concerto del “Principe” del 13 marzo al Teatro Garbatella

Di Filippo De Orchi

La Garbatella, per chi non è di Roma, è un borgata sorta intorno agli anni ’20, una volta popolata da modesti lavoratori e oggi diventata un quartiere di tendenza, portato alla ribalta anche dalla fiction dei “Cesaroni”. È qui che si trova il Teatro Garbatella, che dal 28 febbraio al 27 marzo vede in scena l’Off The Record di Francesco De Gregori: Residency Tour andato sold out per tutte e venti le date.

Io ho assistito a quello del 13 marzo e alle 21,00 precise è iniziato questo storytelling di Francesco De Gregori, particolarmente voglioso di interagire con il pubblico: il “Principe” ha subito dichiarato di non essere quel personaggio scontroso e distaccato che spesso viene descritto; con lui la sua band, formata da Guido Guglielminetti al basso, Carlo Gaudiello al piano, Paolo Giovenchi alle chitarre e Alessandro Valle alla pedal steel guitar e al mandolino, più due coriste.

La scaletta – come annunciato – è variabile, tra canzoni mai eseguite dal vivo o eseguite solo raramente e i suoi classici successi; questa sera viene distribuito all’ingresso del teatro un foglio con i titoli delle canzoni, e l’invito a non riprendere con i cellulari il concerto.

Si inizia, anzi si salpa subito con un tris a tema: “Titanic”, “L’abbigliamento di un fuochista” e “Tutti salvi”, storie emozionanti di questo storico naufragio.

Si passa poi a “Buenos Aires2, canzone che parla dei desaparecidos e “Come il giorno (I shall be released)” omaggio tratto dal suo album dedicato a Bob Dylan; al termine di questa canzone il nostro chiede a tutto il pubblico in sala quanti dei presenti avesse comprato l’album “Amore e Furto”.

Tra grandi i grandi classici di “Sempre per sempre”, “Cercando un altro Egitto”, “La leva calcistica della classe ’68”, “Banana Republi”c e “La valigia dell’attore” (dedicata ad Alessandro Haber), De Gregori inserisce dei brani minori come “Un guanto” e “Piccola mela”, cantata insieme a sua moglie Alessandra “Chicca” Gobbi.

Dimenticavo, prima di raccontare il crescendo finale, che sul palco quasi tutte le sere ci sono degli ospiti a sorpresa: Stefano Bollani, Elisa, Luca Barbarossa; a noi sono toccati Bobo Craxi e Renzo Zenobi, e quest’ultimo ha cantato in solitaria la sua canzone di “Di tamerici e di sabbia”.

Si riprende lo show con “Quattro cani” e “Vai in Africa Celestino” per poi chiudere con “Generale” e “Rimmel” dove incita tutto il pubblico a fargli da coro.

E dopo i saluti e ringraziamenti per essere venuti ad ascoltarlo, una brevissima pausa prima del bis.

Il Principe ritorna sul palco con sigaretta e calice di vino bianco e chiude la serata intonando “Buonanotte Fiorellino”, e al ritmo di questo valzer invita tutto il pubblico in sala a ballare, facendo anche salire sul palco una coppia di giovani.

Adesso cala il sipario: grazie per questa magica serata di musica e poesia.

Commenta Via Facebook

You May Also Like