Rega Planar 8: come dilapidare (bene) un piccolo patrimonio

Standard elevati per un suono sempre più nitido

Sin dal 1973 l’azienda inglese Rega ha abituato i propri clienti a prodotti dove design e tecnologia si sono sempre fusi straordinariamente bene. Non fa eccezione il Rega Planar 8, un giradischi che chiaramente non è alla portata di tutte le tasche, visto che il suo prezzo si aggira attorno ai 2500 euro, ma le cui caratteristiche tecniche inviterebbero gli appassionati del vinile a una piccola (grande) follia.

Solo parzialmente ispirato ai precedenti modelli Naiad (dal prezzo proibitivo!) ed RP8, il nuovo giradischi monta un telaio estremamente leggero ma incredibilmente rigido, progettato per eliminare al meglio le risonanze, garantendo una perfetta stabilità; il materiale adoperato è in poliuretano espanso ultraleggero Tancast 8 (adoperato nell’industria aerospaziale). L’aspetto “scheletrico”, come ben sanno gli esperti, evita che la massa assorba energia, finendo per togliere vitalità all’ascolto.

Gli standard elevati si confermano diretti alla ricerca del suono più nitido anche nella scelta dell’assemblaggio del mozzo centrale a bassa massa, del braccio RB880 e della regolazione fine della velocità, gestita totalmente a livello elettronico. Il piatto in vetro a triplice strato e un motore a basso voltaggio, con alimentatore elettronico tarato individualmente a mano, sono solo alcune altre piccole peculiarità che rendono questo modello sicuramente all’avanguardia.

Commenta Via Facebook

You May Also Like