“Natale a Pavana”: ecco il nuovo inedito di Guccini!

Esce oggi, 15 novembre, NOTE DI VIAGGIO – CAPITOLO 1: VENITE AVANTI…: la raccolta delle canzoni più belle di Guccini. Tra i vari featuring anche un brano inedito

Natale a Pavana è l’inedito estratto dalla prima parte della raccolta delle più belle canzoni di Guccini, NOTE DI VIAGGIO – CAPITOLO 1: VENITE AVANTI…, uscito proprio oggi, 15 novembre, per BMG. Questo brano è l’unico inedito all’interno dell’album, infatti il resto delle canzoni che compongono questo lavoro vantano la partecipazione di svariati artisti della scena musicale italiana:

Auschwitz (Elisa),
Incontro (Ligabue),
Scirocco (Carmen Consoli),
Stelle (Giuliano Sangiorgi),
Tango per Due (Nina Zilli),
Vorrei (Brunori SAS),
Canzone Quasi d’Amore (Malika Ayane),
Quattro Stracci (Francesco Gabbani),
Canzone delle Osterie Fuori Porta (Luca Carboni e Samuele Bersani),
Noi non ci saremo (Margherita Vicario)
L’avvelenata (Mauro Pagani e Manuel Agnelli)

Guccini racconta di come il singolo Natale a Pavana fosse nato inizialmente come semplice poesia in dialetto bolognese, e trasposta solo successivamente in musica grazie a Mauro Pagani. Un ricordo nostalgico della sua infanzia a Pavana, legato al Natale in famiglia.

Di seguito l’audio e il testo di Natale a Pavana:

Testo:

Del volte i m’arcordo quíi Nadali
(quand’i ero un bambin):
la sfrúmmia del vacanze, dla valísglia,
al sconsummo dla strada a la stazion
(a pée, ma alora a s’ caminava verodío)
e me babbo davanti con al peso emíemémadre‘ddré.
“Modna, stazion ‘d Modna”
E ‘na zízzola (maremma can) col braghe corte, e ‘na nebbia (diolai) ch’a t’inzupava
al córe, e t’a l’ stricava
per avertase quando ‘d sovr’al colle
l’aparizion dla Madonna su a San Lucca
a t’ disgeva ch’l’era ariva’ Bologgna.
(Babbo, perché noialtri
A ‘n se sta ed ca’ a Bologgna?
Eee, magara!)
E po’ piazale Ovest,
ghiggne e chiàccare con vosgi che col treno già i m’ portavan’ ed colpo su i mée monti
el sudava al vapore e quando ed rado
lascia’ cl’altra stazion
s’entrava in galería
al fummo a s’inflitrava int al vagon
e a l’ rempiva i polmon
e s’a t’ sopiavi al naso
l’era móccio e carbon.
E neve, tanta neve, bianca e fina, E neve, tanta neve
fin a la Venturina.
(D’ed d’là dal fiumme a i era
Al monte dla mé Pavna,
la sóo magia
e la mé forza e la mé fantasia)
Giò dal treno, Ziarina,
la c’aspetava, l’era anda’ a comprare l’anguilla dla vigília
Ziarina disgeva:
“via, via, ch’l’è belle buíio!”
(per Nadale la notte la vén presto)
E via che ‘d strada, tanta,
a i né ancora da fare
(a pée, ma l’era tutt’un caminare)
Cla strada belle fatta tante volte
Fra dóo montaggne ‘d neve.
E in ca’ i i’eren tutti,
Nonnamabília a i era,
Ziorico, Nonnopietro,
e Ziateresa,
con i taselli ‘d tavole ‘d castaggno
e i sacchi amontina’ lí’d fianco a i muri e l’acqua ch’la scoreva dal botaccio per far andar el masg’ne,
per tridare el castaggne,
robbanera, frumento e formenton. Che gran savore ‘d bón!
L’era, l’era ca’ mia,
i ero torna’ a ca’ mia,
al me fiumme,
ai mée monti, al mé mondo e Modna, e la só torre, l’eran armaste un soggno, soltanto un brutto soggno, che al Limentra
c’ la piéna d’inverno.
a l’portava via
L’era, l’era ca’ mia,
i ero torna’ a ca’ mia,
al me fiumme,
ai mée monti, al mé mondo e Modna, e la só torre, l’eran armaste un soggno, che al Limentra
a l’portava via.


Commenta Via Facebook

You May Also Like