L’ascesa e caduta del dimenticato gustar hero, JAKE E LEE

"Io sono vecchio. Sono felice che quello che potrebbe essere il mio ultimo saluto sia qualcosa che le persone – alcune persone, almeno – hanno notato” - Jake E Lee

Dopo aver raggiunto il massimo con Ozzy Osbourne come sostituto dello sfortunato Randy Rhoads, il chitarrista Jake E Lee è scomparso dopo che la sua band post-Ozzy, i Badlands, è stata abbandonata dalla loro casa discografica. Dopo 15 anni nella natura selvaggia, è tornato con una nuova band, i Red Dragon Cartel, nel 2013, quando ha parlato con Classic Rock della sua carriera e delle sue ambizioni.

Jake E Lee non avrebbe mai pensato che l'avrebbe fatto di nuovo, suonando in un gruppo rock. È fuori dai giochi da molto tempo. Quando lavorava con Ozzy Osbourne negli anni '80, Lee era uno dei chitarristi più famosi al mondo. Ma negli ultimi 20 anni è apparso raramente in pubblico. Sulla sua assenza circolavano voci – che fosse un alcolizzato, che fosse un senzatetto. In realtà, ha vissuto ben peggio: la morte dei suoi genitori, della sua prima moglie e del cantante Ray Gillen, che Lee considerava il suo “fratello musicale”. Ma ora, all'età di 57 anni, Jake E Lee sta tornando alla ribalta. 

Il tour con il suo nuovo gruppo Red Dragon Cartel è molto diverso da quello che ha vissuto al culmine della sua fama. Nel 1986 Lee si esibì davanti a un pubblico di 60.000 persone quando Ozzy era l'headliner del festival Monsters Of Rock a Donington Park. Ora, 28 anni dopo, i Red Dragon Cartel suonano davanti a poche centinaia di persone ogni sera nel loro tour negli Stati Uniti. 

Non ci sono hotel a cinque stelle per Lee al giorno d'oggi. Quando parla a Classic Rock da Mount Laurel, nel New Jersey, prima di uno spettacolo in un club di Filadelfia, è nella stanza di un motel economico. Sotto ogni aspetto, la vita on the road ora è più dura. Ma dopo tutto questo tempo lontano è felice anche solo di essere di nuovo là fuori a fare casino. 

"Sono vecchio", dice Lee. “Sono felice che quello che potrebbe essere il mio ultimo saluto sia qualcosa che le persone – alcune persone, almeno – abbiano notato. Mi fa sentire come se avessi preso la decisione giusta di andare avanti e farlo. 

Quando Jake E Lee racconta la sua storia – l'ascesa, la caduta e gli anni perduti – lo fa con un candore disarmante. "Sono un figlio di puttana onesto", dice all'inizio, in tono pigro e strascicato. C'è una tranquilla fiducia in lui. Certamente non è timido riguardo alle sue capacità di musicista. Allo stesso modo, ammette i suoi fallimenti: la sua arroganza da giovane, la sua spietata ambizione e le sue occasionali cadute nel bere sconsiderato. E anche se c'è una saggezza conquistata con fatica in ciò che dice Lee, non c'è amarezza o autocommiserazione. 

Di:
Fonte: Loudersound
Redazione

Share
Published by
Redazione

Recent Posts

Il PUNK e come i SEX PISTOLS fecero un casino in diretta nazionale | CR Monografie

Domani esce Classic Rock Monografie dedicato al PUNK! In copertina, i Sex Pistols... ricordi come…

6 ore ago

VIOLET BLEND: “blend” rock graffiante

I Violet Blend sono una band alternative rock italiana, originaria di Firenze e nata alla…

11 ore ago

RADIOHEAD: i fantasmi di Thom Yorke e una casa infestata

Thom Yorke è convinto di aver registrato l'iconico album "OK Computer" in una casa infestata.…

2 giorni ago

Courtney Love: il bersaglio dell’odio pubblico dopo la morte di Cobain

Courtney Love, ha sempre rifiutato la ricerca di consenso popolare: “Volevo essere nota per essere…

2 giorni ago

LARS ULRICH: “Se dovessi lasciare i Metallica, al mio posto vorrei…”

E se i Metallica si trovassero ad affrontare situazioni impreviste, chi sarebbero i successori predestinati…

3 giorni ago

Le perle di GENE SIMMONS: “Le band del futuro non potranno pagarsi l’affitto”

Ecco la perla di oggi di GENE SIMMONS: i soldi, le rockstar, le band emergenti…

3 giorni ago

This website uses cookies.