ROGER DALTREY si schiera contro il movimento #MeToo

Foto via: www.billboard.com/articles/news/7997629/the-who-roger-daltrey-memoir-book-deal

Il frontman degli Who, Roger Daltrey si è schierato contro il movimento #MeToo: “Perchè mai un musicista dovrebbe aggredire una donna? Le rockstar non ne hanno bisogno.”

Il fontman degli WhoRoger Daltrey ha criticato fortemente l’idea alla base del movimento #MeToo e la sua estensione nel mondo della musica, sostenendo che le rock star non sono mai state dei “predatori sessuali“, semplicemente perchè non ne hanno avuto bisogno. I suoi commenti sono arrivati riguardo le recenti politiche del movimento internazionale contro molestie e abusi sessuali quando, fra le celebrità accusate, sono spuntati anche alcuni nomi di musicisti.

Perchè mai una rockstar dovrebbe aggredire una donna?” ha dichiarato Daltrey in una recentissima intervista con il Daily Mail, fra lo sconcerto generale. “Di solito, è il contrario. Mi piacerebbe avere 1 £ per ogni donna che mi è venuta dietro. Mick Jagger sarebbe un miliardario. Se una cosa del genere accedesse nel mondo della musica rock, beh sarebbe saltato fuori. Lo trovo odioso. Sono sempre accuse, ed è una schifezza. Come le accuse fatte a Pete Townshend quando è stato arrestato.

Parlando di Townstend, Daltrey ha fatto riferimento all’episodio avvenuto nel 2003, quando fu accusato di pedopornografia, per poi esserne uscito completamente ripulito a meno di quattro mesi dall’accusa: “Non ha mai avuto nulla su quel computer. E’ stato accusato di aver scaricato, ma non ha mai trovato niente su quel cazzo di computer.” ha raccontato Daltrey in un’altra intervista.

 

Commenta Via Facebook

You May Also Like