1 aprile 1984: addio a Marvin Gaye

Il 1 aprile 1984 Marvin Gaye veniva ucciso dal padre a colpi di pistola

Marvin Gaye ci lasciava il 1 aprile del 1984 a Los Angeles dopo essere intervenuto in una lite tra i genitori: il padre gli sparò con una pistola che lo stesso Marvin gli aveva regalato quattro mesi prima. Gaye è stato un cantante, autore e produttore: prima aiutò a definire il sound della Motown negli anni 60 (come turnista e poi come artista solista) con una serie di hit tra cui “Ain’t That Peculiar”, “How Sweet It Is (To Be Loved By You)”  e “I Heard It Through the Grapevine”; durante gli anni 70 pubblicò poi una serie di album di successo tra cui i celeberrimi “What’s Going On” e “Let’s Get It On”.

Sexual Healing fu il più grande successo R&B degli anni 80

Il suo ultimo album “Midnight Love” venne pubblicato dalla Columbia, e il singolo che ne venne tratto “Sexual Healing” è considerato il brano R&B di maggior successo degli anni 80.

 Gaye è rimasto nella memoria per l’uso del falsetto, per i testi impegnati e per l’eclettico mix di soul, jazz, R&B, pop e gospel.

 


Commenta Via Facebook

You May Also Like