BRUCE SPRINGSTEEN: concerto segreto per lo staff della Casa Bianca

US President Barack Obama and singer Bruce Springsteen wave at supporters during a campaign rally in Madison, Wisconsin, on November 5, 2012. After a grueling 18-month battle, the final US campaign day arrived Monday for Obama and Republican rival Mitt Romney, two men on a collision course for the world’s top job. The candidates have attended hundreds of rallies, fundraisers and town halls, spent literally billions on attack ads, ground games, and get out the vote efforts, and squared off in three intense debates. AFP PHOTO/Jewel Samad (Photo credit should read JEWEL SAMAD/AFP/Getty Images) Foto via: www.hollywoodreporter.com

Bruce Springsteen ha tenuto un intimo e segretissimo concerto alla Casa Bianca, per salutare il presidente Obama, di cui è stato fervente sostenitore.

Stando ‘Backstreets‘, il Boss ha seguito un set acustico da solista per circa duecento o duecentocinquanta persone dello staff della Casa Bianca, nella East Room, per ringraziare il presidente in uscita. Solo chitarra e voce, per un esibizione con la voce rotta dalla commozione di fronte a Obama e alla First Lady. Ha portato sul “palco” quindici brani, iniziando con “Working on the Highway”. Pare che l’ex presidente abbia poi ringraziato personalmente Springsteen dicendo: “E’ con noi da tempo, e ha sempre usato la sua arte per esprimere il suo supporto.”

Lo scorso anno, Obama aveva conferito a Springsteen la Medaglia Presidenziale della Libertà. La notizia del concerto segreto, ironia della sorte, arriva pochi giorni dopo il ritiro della cover band del Boss dal Gala del nuovo presidente, Trump. I B-Street Band, hanno detto di aver rinunciato all’incarico, per il rispetto e la gratitudine nutrita verso il Boss, la cui musica è stata fondamento artistico e di vita. Per ora, l’inaugurazione di Trump sembra essere flagellata di una serie infinita di problemi e imprevisti, fra artisti che si ritirano, e altri che si sono categoricamente rifiutati di partecipare.

Tutto ciò, accade in un momento davvero particolare, perchè in occasione di un evento ‘No-Trump‘, si ricongiugeranno persino gli Audioslave dopo oltre dieci anni. Insomma, il mondo della musica è in subbuglio.

 

 

Commenta Via Facebook

You May Also Like