Tre Allegri Ragazzi Morti: PRIMITIVI DEL FUTURO compie 10 anni

i tre allegri ragazzi morti
Tre Allegri Ragazzi Morti

Sono passato dieci lunghi anni dall'uscita di PRIMITIVI DEL FUTURO, disco reggae e ambientalista della band di Pordenone. Per l'occasione, la versione in vinile. 

Il tempo vola quando ci si diverte e, se questi dieci anni fossero passati sulle note di PRIMITIVI DEL FUTURO, sarebbero volati ancora più velocemente. Per festeggiare il traguardo raggiunto, i Tre Allegri Ragazzi Morti hanno deciso di fare un regalo ai propri fan: rendere disponibile da oggi un'edizione limitata in vinile dell'album che ha compiuto il suo primo decennio. 500 copie che i fan più fedeli e appassionati si aggiudicheranno.

Era il 5 marzo 2010 quando usciva PRIMITIVI DEL FUTURO, sesto album del gruppo mascherato. Da allora, l'album è riuscito ad arrivare a un numero sempre crescente di spettatori che l'hanno apprezzato per la qualità dei brani. Qualità apprezzata anche dalla critica: l'album si è infatti guadagnato un posto nella classifica dei “Migliori dischi del decennio” secondo Noisey. 

Conoscerete, forse, La faccia della luna, brano facente parte della tacklist dell'album e di cui Jovanotti ha recentemente riproposto una cover. 

L'album è un vero e proprio mix di stili ripresi anche da culture differenti: ritmi giamaicani si mescolano a influenze dal sapore africano, sonorità dub e reggae si fondono con la vena cantautorale e poetica tipica del gruppo. 

I brani, inoltre, hanno una certa propensione alla critica e toccano temi che potremmo definire anche politici, esortando i propri ascoltatori a non vivere la loro vita in maniera passiva ma a reagire.

Il decimo compleanno di PRIMITIVI DEL FUTURO non è stata l'unica occasione per lanciarsi nei festeggiamenti per la band: i Tre Allegri Ragazzi Morti hanno da poco dedicato una serata bolognese ai loro primi venticinque anni di carriera. Non possiamo che augurargliene altrettanti, sempre con la stessa energia e la stessa attenzione ai dettagli che li hanno sempre contraddistinti. 

Commenta Via Facebook

You May Also Like