Coronavirus: morto Detto Mariano, compose canzoni per Mina, Battisti e Celentano

Compositore, paroliere e produttore. Il Coronavirus si è portato via Detto Mariano. Collaborò con artisti come Celentano, Al Bano, Mina e Battisti. 

Detto Mariano è morto a 82 anni a Milano, dov’era stato ricoverato due settimane fa a causa del Coronavirus. Le sue condizioni sembravano stazionarie, ma nella notte c'è stato un repentino peggioramento. Ad annunciare la sua scomparsa è l'amico musicista Gianni Dall'Aglio tramite Facebook.

Il Clan e Adriano Celentano 

Una vita interamente dedicata alla musica quella di Detto Mariano. Una passione interrotta davvero poche volte, tra queste la chiamata al servizio militare. Sarà però proprio durante la leva il momento in cui conoscerà Adriano Celentano, anch'egli una recluta. 

Al termine del servizio militare, Mariano si trasferisce a Milano e inizia a lavorare con il gruppo di Celentano, I Ribelli. È sempre con il “Molleggiato” quando prende vita l'etichetta Clan Celentano, e inizia a riarrangiare dischi di numerosi artisti sotto l'etichetta: Ricky GiancoDon BackyLa Ragazza del ClanGino Santercole.

Dopo il Clan: Battisti, Milva, Albano, Bennato, Mina…

Nel 1968 Mariano si allontana dal Clan e inizia a lavorare con altre etichette discografiche: la EMI, la CBS, la Dischi Ricordi. Proprio a questo periodo risale l'inizio della collaborazione con Lucio Battisti, per il quale riarrangia, tra le tante, Mi ritorni in mente, Acqua azzurra, acqua chiaraFiori rosa, fiori di pesco.

Ma non si ferma qui. Collabora anche con Bobby SoloMilva, gli Equipe 84, i CamaleontiAlbanoMina, Edoardo Bennato e Romina Power, che lo ha voluto ricordare con queste parole:

Le colonne sonore

Non solo canzoni. Mariano è stato anche autore di alcune colonne sonore cinematografiche, come quella per Yuppi Du, per Eccezziunale veramente e per Il ragazzo di campagna, ricevendo nel 2006 il Leone d’oro alla carriera.

Impossibile ripercorrere tutti i suoi successi. Vi lasciamo con questo video, in cui lo stesso Mariano ripercorre alcuni momenti indimenticabili della sua carriera.

Commenta Via Facebook

You May Also Like