Rolling Stones: “I Beatles migliori? Noi riempiamo gli stadi, loro non ci sono più”

mick-jagger-paul-mccartney

La lotta tra i Beatles e i Rolling Stones non si spegne nemmeno dopo decenni. Ecco cosa ha detto Mick Jagger a Paul McCartney.

La storica faida tra Beatles e Rolling Stones si è recentemente riaccesa a causa di alcune affermazioni fatte dai due rispettivi rappresentanti dei gruppi: Paul McCartney e Mick Jagger. Ma facciamo un passo indietro e scopriamo cosa è successo.

Gli anni 60

La rivalità tra le due band ha inizio negli anni 60. Ma è una rivalità che venne più che altro creata e fomentata dai media, in quanto i due gruppi facevano riferimento a un pubblico profondamente diverso e avevano ben poco in comune: mentre i Beatles erano stati rappresentati come i classici bravi ragazzi, i Rolling Stones vennero descritti come i rappresentanti della ribellione e del consumo di droghe. Una sorta di “buoni” vs. “cattivi”. Concetto che sicuramente gli stessi gruppi hanno poi utilizzato per la propria promozione.

La realtà è che tra i membri dei Beatles e dei Rolling Stones non c'era, almeno inizialmente, alcuna rivalità. Anzi, troviamo anche alcune collaborazioni tra le due band, come per il brano I Wanna be your Man, scritto dal duo Lennon-McCarney e che venne proposto agli Stones. Troviamo così sia una versione della band di Mick Jagger che dei Beatles, anche se il singolo degli Stones ebbe molto più successo

La faida mediatica ebbe fine con lo scioglimento dei Beatles, che intrapresero carriere soliste, ritrovandosi spesso a lottare tra loro nelle classifiche. Nel mentre, i Rolling Stones hanno continuato a suonare insieme.

Oggi

Ancora oggi i Rolling Stones continuano ad avere la fama degli “eterni dannati” del rock, e sono più in forma che mai. Li abbiamo recentemente visti cantare al One World: Together at Home, il concerto benefico organizzato da Lady Gaga (a cui ha partecipato anche McCartney); pochi giorni dopo sono poi tornati con un nuovo inedito, Living in a Ghost Town, il primo dopo 8 anni.

E quindi, come si è riaccesa la faida? Qualche tempo fa, Paul McCartney aveva rilasciato alcune dichiarazioni durante un’intervista radiofonica al programma di Howard Stern. Proprio il conduttore statunitense ha affermato di preferire i Beatles agli Stones e ha chiesto a McCartney un suo parere. Ecco perché, secondo Paul, i Beatles sarebbero decisamente superiori:

Gli Stones erano radicati nel blues. Quando scrivono qualcosa ha sempre a che fare con il blues. Noi abbiamo avuto più influenze. Ci sono un sacco di differenze tra di noi e amo gli Stones, ma penso che i Beatles fossero migliori.

Mick Jagger ha aspettato il momento giusto – ovvero un'intervista con Apple Music per il lancio del nuovo singolo – e ha replicato all'ex beatle:

La grande differenza risiede nel fatto che i Rolling Stones sono una band da grandi concerti, una band che si è esibita in tanti luoghi diversi per decenni, mentre i Beatles non hanno mai fatto un tour nelle arene e non hanno mai suonato al Madison Square Garden con un impianto del suono decente. Loro si sono sciolti prima che quel business iniziasse, intendo dire il vero business del tour.

La grande linea di demarcazione tra le due band non sarebbe più, quindi, quella dei “buoni” vs. “cattivi”, ma tra chi ha fatto e continua a fare tour negli stadi e chi invece non ne ha fatti.

Loro hanno fatto un grande concerto al Shea Stadium e io c’ero, ma quello è stato l’unico. Gli Stones, invece, sono andati avanti. Noi abbiamo iniziato a fare i tour negli stadi negli anni 70 e li facciamo ancora oggi. Ecco qual è la vera grande differenza tra le due band: una è incredibilmente fortunata a suonare ancora negli stadi, mentre l’altra non esiste più.
Quella tra i Beatles e i Rolling Stones sembra quindi essere una lotta ancora molto lontana dal placarsi, nonostante la stima reciproca tra le due band. E voi, da che parte state?
You May Also Like