Cosa si ascoltava sulle spiagge italiane negli anni 80?

hit estive anni 80

L'estate sommata alla musica degli anni 80 crea un cocktail che non ci si può perdere. Ecco perché abbiamo deciso di riportarvi indietro nel tempo con queste 10 hit.

Chi pensa agli anni 80 spesso pensa alla musica e ai tormentoni che infiammavano le piste da ballo. In effetti, la disco music regnava sovrana già da qualche tempo. Durante l'estate, la musica all'aperto era un must e le feste in spiaggia di certo non mancavano.

Dopo avervi fatto rivivere le magiche serate estive anni 60 e 70 (rispettivamente in questo e questo articolo) ecco, quindi, i dieci tormentoni estivi anni 80 che riuscirono ai tempi far ballare davvero tutti. 

Kobra di Donatella Rettore

Partiamo con un pezzo il cui titolo certamente non suonerà nuovo ai nostri lettori. Kobra è il celeberrimo pezzo con il quale, nel 1980, Donatella Rettore portò innovazione (e un pizzico di scandalo) nelle radio italiane.

Via abbiamo raccontato in questo articolo la famosa esibizione della cantautrice veneta sul palco del Festivalbar

Luna di Gianni Togni

Siamo sicuri che questo classico di Gianni Togni del 1980 abbia allietato le serate estive di molti, ben oltre gli anni 80. E chissà, magari a qualcuno è capitato di sentirsi perso proprio come il protagonista di Luna che, preso da una malinconia d'amore, con le sue parole ha fatto sognare i giovani degli anni 80

Maracaibo di Luisa "Lu" Colombo

Alzi la mano chi ha letto il titolo cantando. Siamo sicuri che oramai questo brano del 1981 dal sapore esotico non abbia più segreti per i nostri lettori, ma sapevate questo pezzo all'apparenza leggero ed estivo è stato rifiutato diverse volte dalle case discografiche perché il testo era ritenuto troppo sconveniente?

La famosa Zazà del ritornello è una ballerina cubana che si esibisce, però, in Venezuela (a Maracaibo, appunto) dove fa parte anche della malavita locale. Dopo un tradimento ai danni del compagno, è costretta a fuggire da quest'ultimo per paura di una vendetta. E i guai non finiscono qui per la povera Zazà!

Gioca jouer di Claudio Cecchetto

Un grande classico estivo che abbiamo ballato un po' tutti e che probabilmente non invecchierà mai. La grande popolarità raggiunta dal brano lo portò perfino a diventare la sigla scelta per l'edizione del 1981 del Festival di Sanremo.

La vera chicca, però, è il videoclip del brano registrato durante il programma musicale Super Classifica Show, nel quale si possono apprezzare dei ballerini in sincronia perfetta muniti di tutine attillate dai colori sgargianti, scaldamuscoli e scarpe da tennis. Può esserci qualcosa di più anni 80? 

Un'estate al mare di Giuni Russo

Inciso nel 1982 da Giuni Russo, questo pezzo divenne il più grande successo discografico della cantautrice nonché una hit canticchiata molto spesso sulle spiagge italiane anche negli anni 2000. Il testo è di Franco Battiato il che, già di per sé, è una garanzia. 

Non sono una signora di Loredana Bertè

Parliamo di uno dei brani più famosi in assoluto della discografia del nostro "pettirosso da combattimento" (soprannome dato alla Bertè da Fabrizio De André). Il successo arrivò nel 1982 e il pezzo diventò un campione di vendite non solo in Italia ma anche oltralpe. 

Vamos a la playa dei Righeira

Quando nella primavera del 1983 Stefano Righi e Stefano Rota – rispettivamente Johnson e Michael Righeira – lanciarono Vamos a la playa, il loro duo era ancora pressoché sconosciuto ma non avrebbe continuato a esserlo per molto.

Il successo era dietro l'angolo e con Vamos a la playa i Righeira fecero bingo aggiudicandosi il titolo di creatori di tormentoni estivi, dato che quel loro fortunato brano avrebbe continuato a risuonare sulle spiagge per lunghi anni a venire. 

Donne di Zucchero

Quei "du du du" nel ritornello di Donne di Zucchero Fornaciari sono stati un bel ricordo di estati passate per molti, eppure, pare che lo stesso Zucchero già da diversi anni non abbia intenzione di cantare il pezzo.

Per quale motivo? Non certo per il testo della canzone scritto da Alberto Salerno e molto apprezzato dal cantante emiliano, ma proprio per gli iconici "du du du" che oramai Zucchero non riesce proprio più a cantare

La Isla Bonita di Madonna

Gli anni 80 furono forse il periodo di maggiore popolarità della popstar statunitense la cui carriera iniziò a prendere il volo proprio in quel periodo.

La Isla Bonita, pezzo del 1987, catapultò tutti gli ascoltatori di Lady Ciccone in una dimensione parallela fatta di liaisons scandalose e atmosfere tropicali. Il successo fu immediato e l'Italia non fece di certo eccezione dato che il brano iniziò a riecheggiare in tutte le spiagge del Belpaese. 

Gimme Five di Jovanotti

Nel 1988, quando Gimme Five venne pubblicata, Jovanotti era un astro nascente dell'hip hop e, da quel momento in poi, non avrebbe mai smesso di crescere. Il successo di questo pezzo è testimoniato anche dal fatto che sia stato ripreso molti anni dopo la sua prima pubblicazione, nel 2013, durante il tour negli stadi del cantautore romano.

Fu in questa occasione che Jovanotti cantò Gimme Five per la prima volta dal vivo

You May Also Like