1984: 5 curiosità sull’album dell’anno

michael jackson thriller

Il 1984 fu l'anno di Michael Jackson e del suo THRILLER, la cui titletrack, rimane a tutt'oggi impressa nell'immaginario collettivo.

Travolgente come pochi e dall'impatto visivo scioccante, Thriller è un brano che non stanca mai, estratto da un disco praticamente perfetto, in grado di ridefinire completamente i canoni stilistici della musica pop e non solo. THRILLER fu l'album della consacrazione per Michael Jackson che, attraverso il videoclip della titletrack, riuscì ad aprire nuovi orizzonti per gli artisti afroamericani su MTV. In questa guida, scopriremo alcune interessanti curiosità sul disco dell'anno 1984. 

Thriller lanciò il mercato del noleggio video 

Ad oggi, il noleggio di prodotti audiovisivi è una pratica lungamente sorpassata, ma all'apice della sua diffusione, i rivenditori non poterono che mostrarsi grati alla popolarità di Thriller. Il videoclip della titletrack veniva mandato in onda più volte nel giro di archi temporali brevissimi, a causa della spropositata mole di consensi che raggiunse. I fan, ossessionati dallo stile e dal brano, però, volevano gustare il video in loop, trovando come ostacolo i prezzi proibitivi delle VHS. Alcuni rivenditori decisero, dunque, di cedere in noleggio le cassette, dando inizio ad una nuova forma di business. 

Le origini del costume di Michael

A rendere ancor più iconico il video di Thriller furono le atmosfere oscure che lo contraddistinguono, con un occhio di riguardo verso il look distintivo di Jackson, divenuto, ormai, un vero cult. Il famoso costume rosso e nero arrivò da un'idea della moglie del regista del video, John Landis che disegnò il vestito in modo da renderlo quanto più d'effetto possibile. L'abito fu venduto qualche anno fa all'asta per una cifra astronomica di 1.8 milioni di dollari. 

Le incisioni in doccia 

Quincy Jones e il team di Jackson iniziarono le sessioni d'incisione di THRILLER col botto, convinti che la loro missione li avrebbe portati a salvare l'industria della musica. Ebbene, il team riuscì ampiamente nell'intento, convogliando tutte le proprie capacità, senza risparmiarsi da sforzi creativi sovraumani che li portarono a registrare alcune sezioni dei brani che compongono il disco in maniera ben poco convenzionale. Diverse backing vocals di THRILLER, ad esempio, furono registrate all'interno di una cabina doccia, per sfruttare l'acustica unica dell'ambiente. 

Il titolo originale della canzone

Oggi, solo sentire nominare Thriller dà i brividi, ad appassionati e non solo. L'autore e batterista Rod Templeton, penna di alcune delle più grandi hit del Re del Pop, concepì la traccia in maniera completamente diversa. La prima bozza del brano assunse il titolo di Starlight, titolo che Jones non apprezzò assolutamente, spingendo Templeton a revisionare centinaia di volte il testo alla ricerca della perfezione. 

Ola Ray non fu la prima scelta per il videoclip 

L'attrice e modella Playboy Ola Ray conquistò il ruolo di fidanzata di Michael Jackson nel videoclip della titletrack per un colpo di fortuna. Inizialmente, infatti, il ruolo sarebbe dovuto essere affidato a Jennifer Beals che rifiutò inspiegabilmente. Alla fine delle riprese del video di Thriller, Jackson e Ray rimasero amici per lungo tempo. 

You May Also Like