Marilyn Manson: i cinque video più scandalosi

Marilyn Manson è da sempre conosciuto come un personaggio controverso, in attesa di “The Stand” ripassiamo i suoi momenti più scandalosi

In questi giorni stiamo sentendo parlare spesso di Marilyn Manson: il cantante farà infatti parte del cast di “The Stand”, una miniserie televisiva tratta da un romanzo di Stephen King, e parteciperà alla colonna sonora con una sua cover di The End dei Doors.

Probabilmente non basterebbe un libro per riuscire a raccogliere tutte le dichiarazioni e le azioni scandalose che questo personaggio ha accumulato nel corso della sua carriera: patti col diavolo, cicatrici autoinflitte, uso di droge e tanto altro… Abbiamo però deciso di creare una TOP FIVE di suoi momenti racchiusi in video che hanno fatto discutere in occasione dell’uscita della notizia della sua partecipazione a “The Stand”:

1) Se riuscite ancora a chiudere occhi la notte probabilmente è solo grazie al fatto che non avete mai visto il video di The Beautiful People. Apripista del secondo album ANTICHRIST SUPERSTAR, viene definito “il più pauroso tra i video paurosi”. Floria Sigismondi lo gira nella distilleria abbandonata di Goodenham and Worts a Toronto in Canada.

 

2) Marilyn Manson è solito bruciare la Bibbia al termine dei suoi live, ma ha fatto fatto particolarmente scalpore durante la tappa al Teatro Obihall di Firenze nel 2015 poiché il giorno dopo Papa Francesco avrebbe dovuto far visita alla città.

3) Il video di s(AINT) vede partecipare come regista e protagonista Asia Argento, ma le scene di sesso contenute al suo interno sono state ritenute talmente forti ed esplicite da subire la censura di MTV che decide di non trasmetterlo nemmeno a tarda notte.

4) Nel 2001, durante un concerto che si stava svolgendo a Toronto, invita sul palco un ragazzo che gli aveva gettato addosso una bottiglia, colpendolo dritto in faccia.

5) Nel 2003, mentre si stava esibendo al festival tedesco Rock am Ring, colpisce il suo chitarrista John 5 con un calcio in faccia, scatenando la reazione del musicista.

Commenta Via Facebook

You May Also Like