Ronnie Wood dei Rolling Stones parla del cancro

rolling stones

Intervista escusiva a Ronnie Wood, chitarrista dei Rolling Stones che di recente è riuscito a guarire dal cancro.

Ronnie Wood, chitarrista dei Rolling Stones, ha avuto una vita da vero rocker, fatta di musica, amore e tanti eccessi. Da qualche anno ha, però, voltato pagina e aperto un nuovo capitolo, anche a causa di una brutta malattia che, per fortuna, ha superato.

Quando ti hanno diagnosticato un cancro ai polmoni, il mondo dev’esserti crollato addosso. Eri appena diventato di nuovo padre di due gemelle. Alla fine si è risolto tut-to, ma sarà stato un periodo terribile.

Sì. In quei pochi giorni in cui non avevamo ancora una diagnosi, ho pensato: “Cavolo. Be’, ho avuto una buona vita”. Quando poi mi hanno detto che si poteva rimuovere e che non c’erano altre metastasi mi sono detto: “Lassù qualcuno mi ama davvero tanto!”. Dopo tutti questi anni passati a fumare come una ciminiera, ritrovarmi solo con un cancro nel polmone sinistro che hanno potuto rimuovere è stato un autentico miracolo.

Hai smesso di fumare, ma smettere con qualsiasi dipendenza è durissima, specialmente se non trovi nuovi modi di riempire il vuoto.

Be’, ora ne ho due nuovi. Per badare ad Alice e Gracie, dovrei avere gli occhi dietro la testa. Hanno tre anni e mezzo, il che dimostra quanto corra veloce il tempo. E a parte il nuovo vigore e l’amore per la vita che mi danno queste bambine, musica e arte vanno ancora a mille. Una nuova sfida è stata rivisitare le influenze che ho avuto da piccolo, come Chuck Berry. Per suonarlo live, ho trovato Ben Waters, che è identico al pianista di Chuck, Johnnie Johnson. Suonare con lui è bellissimo, è una vera fonte d’ispirazione.

L’intera intervista a Ronnie Wood la trovi all’interno di Classic Rock 87, in edicola e in digitale.

Commenta Via Facebook

You May Also Like