Slayer: il progetto parallelo di Jeff Hanneman che non vide mai la luce

jeff-hanneman

Sette anni fa ci lasciava Jeff Hanneman, colonna portante degli Slayer. Il gruppo trash metal, però, non fu l'unico progetto di Hanneman.

Come sappiamo, il chitarrista e cofondatore degli Slayer Jeff Hanneman perse la vita il 2 maggio 2013 a causa di alcune complicanze dovute alla cirrosi epatica causata da anni di dipendenza dall'alcool che andarono ad aggravare ulteriormente il suo quadro clinico già compromesso da una fascite necrotizzante dovuta al morso di un ragno. 

In vita l'artista fu una colonna portante per la propria band e un punto di riferimento per molti chitarristi che decisero di intraprendere il cammino del trash metal e si ispirarono alle sue opere. 

Ciò che forse è meno noto è che fra il 1984 e il 1985, mentre il progetto Slayer era già ampiamente avviato, Hanneman cercò di lanciare un secondo progetto assieme al batterista degli Slayer Dave Lombardo e il chitarrista della band harcore punk Suicidal Tendencies, Rocky George. Questa prima formazione embrionale diede vita ai Pap Smear e, sotto questo nome, i tre iniziarono a comporre moltissimi brani hardcore punk (uno dei generi preferiti di Hanneman). Si trovavano giusto a un passo dallo studio di registrazione che li avrebbe portati alla pubblicazione del loro primo disco quando tutto cadde in frantumi per via del produttore degli Slayer che consigliò a Hanneman di lasciare perdere progetti secondari che l'avrebbero portato solo a creare divisioni all'interno della band.

L'idea di formare un nuovo gruppo, quindi, non si concretizzò. Però, non c'era ragione di sprecare tutto il materiale sul quale i tre avevano lavorato. Così, oltre a una demo con la voce di Hanneman, vennero inserite due delle canzoni scritte dai Pap Smear nell'album del 1996 degli Slayer UNDISPUTED ATTITUDE: parliamo di Can't Stand You e DDAMM (Drunk Drivers Against Mad Mothers) qui sotto assieme agli altri dodici brani contenuti nell'album.  

Commenta Via Facebook

You May Also Like