Lutto nella musica: è morto Paul Chapman, ex chitarrista degli UFO e dei Waysted

ufo

Ci ha lasciati il giorno del suo sessantaseiesimo compleanno Paul Chapman, icona dell'hard rock inglese e chitarrista della storica band UFO.

Lo ha annunciato il figlio, con un toccante messaggio sul profilo Facebook del padre: Paul Chapman è morto ieri, nel giorno del suo sessantaseiesimo compleanno. Il figlio lo ricorda come una persona "brillante, energica, amorevole e spensierata".

Il chitarrista gallese era nato a Cardiff il 9 giugno del 1954. La sua lunga carriera musicale lo vide suonare in diverse band, ma il chitarrista si distinse per la sua militanza negli UFO, la band britannica nota per il grande impatto sulla scena progressive dei primi anni Settanta e heavy metal degli anni Ottanta e soprattutto sulla NWOBHM (New Wave Of British Heavy Metal), con influenze dirette sui Def Leppard, sui Metallica (in particolare James Hetfield), Iron Maiden e altri ancora.

Paul Chapman era entrato per la prima volta negli UFO nel 1974 dopo aver letto un annuncio sulla rivista «Melody Marker». 

Uscito l'anno seguente, per fondare una nuova band, i Lone Star, tornò a far parte del gruppo nel 1977, sostituendo Michael Schenker in un tour americano in compagnia dei Rush. Con gli UFO, Chapman registrò NO PLACE TO RUN e altri tre album: THE WILD, THE WILLING AND THE INNOCENT (1981), MECHANIX (1982) e MAKING CONTACT (1983).

Dal 1971, il chitarrista ha sostituito Gary Moore negli Skid Row, mentre, dopo essersi trasferito negli Stati Uniti, è entrato a far parte dei Waysted dell'ex compagno degli UFO Pete Way, con cui ha registrato tre dischi. 

Nell'ultimo periodo, Chapman insegnava musica nel suo studio a Melbourne, in Florida.

Quella di Chapman è stata una carriera lunghissima, che ha visto il chitarrista specializzarsi in più generi, dall'hard rock al progressive. Lo ricordiamo oggi con un video, in cui potete vedere Paul Chapman in azione con la sua band Lone Star nel 1977 a Berlino.

Commenta Via Facebook

You May Also Like