L’incredibile esordio di Mariah Carey

Mariah_Carey_Caution_Tour_2
Carey during a concert of her Caution World Tour at the Ziggo Dome in Amsterdam, Netherlands, June 2019 Credits: Filipe Vicente / Setor VIP Via WikiCommons

Il 12 giugno 1990 usciva MARIAH CAREY, primo album della cantante. La strada per arrivare alla sua pubblicazione non era stata facile...

Oggi Mariah Carey è una degli artisti di maggior successo nella soria della musica. Con oltre 200 milioni di album venduti, ha ottenuto cinque Grammy Awards, e nel 2014 «Time» l'ha definita la cantante più popolare di sempre. Il suo esordio è rappresentato dal primo album, omonimo: MARIAH CAREY, che compie oggi trent'anni. Raggiungere questo obiettivo non è stato facile. 

Mariah nasce negli Stati Uniti nel 1970, in una famiglia multietnica. La madre è una cantante lirica irlandese, il padre è afroamericano, originale del Venezuela. Proprio per questa ragione, Mariah fin da piccola si trova ad affrontare diversi episodi di razzismo: la sua famiglia è costretta a trasferirsi più volte e i genitori arrivano a divorziare. Mariah rimane con la madre, ed è proprio questa donna ad avvicinarla alla musica e al canto. Pensate che la cantante inizia a scrivere i suoi primi brani già alle scuole medie!

Il suo trampolino di lancio per il mondo della musica è costituito dalla cantante portoricana Brenda K. Starr, della quale Mariah è cantante di supporto. È proprio Brenda Starr, infatti, a consegnare la prima demo della Carey a Tommy Mottola, della Columbia Records (ve ne abbiamo parlato qua). 

mariah carey

Nel 1988 Mariah firma un contratto con la Columbia Records

Quando ho visto e ascoltato per la prima volta Mariah, non ho avuto alcun dubbio: era destinata a diventare una superstar. 

Già da queste parole di Mottola si percepisce il grande talento della cantante. In realtà, ben prima della firma del contratto, Mariah, insieme al cantautore Ben Margulies, aveva scritto quattordici canzoni. I due pensavano di poterle pubblicare subito, il prima possibile. Le cose vanno però diversamente: intuendo le potenzialità vocali della ragazza, Mottola la affianca ai produttori Ric Wake, Rhett Lawrence e Narada Michael Walden.

Alla fine, Mariah è coautrice solo di sette delle canzoni presenti nell'album. Sei di queste sono quelle originali scritte dalla cantante e da Margulies, la settima invece, I don't wanna cry, è il prodotto di una lavorazione lunga, e di contrasti tra Mariah e il suo produttore. 

MARIAH CAREY, un misto di soul e R&B con alcune tracce hip hop, viene finalmente pubblicato il 12 giugno 1990

L'album ottiene un enorme successo negli Stati Uniti: dopo alcune settimane raggiunge la prima posizione nella classifica di Billboard, dove resta per undici settimane consecutive. Il disco rimane inoltre nelle charts per due anni e, nel 1991, viene nominato Album of the Year ai Grammy Awards

Qui per ascoltare MARIAH CAREY:

You May Also Like