Le 90 miglia che separano Gloria Estefan dalla sua Cuba

gloria estefan

Gloria Estefan compie 63 anni, ma né gli anni né la distanza geografica possono separarla dalla sua culla natia, Cuba, i cui colori e suoni caraibici trionfano nell’album del 2007, 90 MILLAS.

Gloria María Milagrosa Fajardo García porta con sé un grande nome, che rispecchia la ricchezza delle sue esperienze personali nel binomio esplosivo americano-latino. E inizia tutto a L’Avana, il primo settembre 1957, data di nascita di Gloria. Un momento molto particolare della storia di Cuba, sotto la dittatura di Fulgencio Batista.

Passa poco più di un anno e il regime cade sotto la spinta della rivoluzione cubana guidata da Fidel Castro. Una vittoria per la libertà, che però non avvantaggia tutti. Gloria, figlia del bodyguard della moglie di Batista, è costretta a scappare da Cuba con la sua famiglia. La fuga è diretta negli Stati Uniti e l’ignara Gloria, in poco tempo, si acclimata nel nuovo ambiente, raccontandosi attraverso la musica.

Ma Cuba torna sempre da lei e, nel 1978, sposa il musicista Emilio Estefan, anche lui emigrato cubano, da cui acquisisce il cognome. Da qui, è una scalata verso il successo per la cantante, che ottiene molti riconoscimenti e collabora con numerosi artisti di estrazione musicale differente. Tra cui, nel 2013, anche Laura Pausini, che la Estefan ha dichiarato di apprezzare in più occasioni. 

90 Millas

Tra i successi in lingua inglese non mancano continui riferimenti all’anima latina. A partire da MI TIERRA (1993) e ABRIENDO PUERTAS (1995) come primi vincenti esordi da solista, fino a ALMA CARIBEÑA (2000) e 90 MILLAS (2007). Da quest’ultimo si diramano le più profonde radici cubane dell’artista. Il titolo ha una forte carica emotiva e traduce la distanza in miglia da Cuba alla Florida, il primo Stato in cui Gloria visse con la sua famiglia dopo la fuga da Cuba.

La cantante vuole parlare alle nuove generazioni, figlie della cultura pop-rock, per trasmettere loro la storia musicale dei grandi maestri cubani. E nonostante lei non abbia potuto vivere in loco l’atmosfera cubana, la sua famiglia l’ha cresciuta secondo le tradizioni, impresse nelle ninne nanne della nonna.  

Così l’album di Gloria si tinge di colori, sapori e ricordi che riecheggiano tra la salsa e le dolci note d’amore. Ogni melodia inneggia alla fratellanza e alla libertà, per ricominciare insieme dopo quelle difficoltà che hanno ancora un retrogusto politico e sociale. Non può quindi passare inosservata la collaborazione di Gloria con il chitarrista Carlos Santana, che ha sempre elogiato la rivoluzione di Fidel Castro e Che Guevara.

L’anima di Gloria Estefan rimane così legata a una forte identità cubana, nell’eterna giovinezza che la caratterizza come donna, cantante e madre. I suoi 63 anni portano con sé i colori di canzoni indimenticabili che sanno di casa. Non ci resta, dunque, che augurarle un felice compleanno! 

You May Also Like